Fino al 24.II.2019 - Chi ha paura del disegno? - Opere su carta del XX secolo italiano - M... 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 24.II.2019
Chi ha paura del disegno?
Opere su carta del XX secolo italiano
Museo del Novecento, Milano

   
  Gaia Tonani 
 
Fino al 24.II.2019 - Chi ha paura del disegno? - Opere su carta del XX secolo italiano - Museo del Novecento, Milano
pubblicato

Dal 23 novembre 2018 al 24 febbraio 2019 sarà presente, presso il Museo del Novecento a Milano, la mostra "Chi ha paura del disegno?”, opere su carta del XX secolo, provenienti dalla Collezione Ramo.
Per la prima volta si decide di realizzare una mostra, curata da Irina Zucca Alessandrelli, con la convinzione che il disegno rappresenti nella creatività un posto di primo piano, al pari delle altre discipline, come la pittura e la scultura. Quelle esposte, infatti, sono opere finite e non primi bozzetti, realizzate in bianco e nero oppure a colori, che rappresentano un’idea ben definita, l’artista si presenta a nudo, spogliato da ogni ostacolo espressivo.
In mostra sono presenti un centinaio di opere, scelte tra le seicento della collezione voluta e realizzata da Pino Rabolini, a cui la mostra è dedicata perché mancato lo scorso agosto e per la lungimiranza della sua sensibilità verso il disegno raffigurato su carta.
Egli aveva più una visione da mecenate che da collezionista perché incapace di amare il possesso dell’opera ma credeva nella loro espressività e delicatezza. 

null
Alighiero Boetti, Senza titolo, 1965

Rabolini non voleva far trapelare il suo gusto personale ma, secondo lui, le opere dovevano avere la valenza storica artistica che meritavano in quanto tali.
L’esposizione è divisa in quattro sezioni che corrispondono a quattro domande aperte ("Astrattismi?”, "Figurazioni?”, Parole + immagini = ?” e "E gli scultori?”), un approccio visivo alla mostra e non didattico, evidenziato dall’allestimento colorato.
In scena chiamati a partecipare nomi importanti, da Boccioni a Fontana, proseguendo con Melotti, Agnetti, Schifano, Boetti e molti altri; il tutto coronato da un video, realizzato da Virgilio Villoresi "Sogni di Segni” in cui il disegno viene raccontato come un sogno, in cui due mani creano le rappresentazioni che il visitatore avrà modo poi di vedere tra le stanze in cui si presenta la collettiva.
C’è una forte volontà di restituire al pubblico una collezione privata perché il disegno è per tutti.
È una collezione milanese, voluta per la sua città.

Gaia Tonani
Mostra visitata il 22 novembre 2018

Dal 23 novembre 2018 al 24 febbraio 2019
Chi ha paura del disegno?
Opere su carta del XX secolo italiano
Museo del Novecento, piazza Duomo 8, Milano
Orari: lun. 14.30 – 19.30 Mart., merc., giov., ven. e dom. 9.30 -19.30 Giov. E sab. 9.30 – 22.30

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gaia Tonani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram