Il borsino della cultura.Crescono i numeri dei musei e anche la soddisfazione di Dario Fra... 3121 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il borsino della cultura.Crescono i numeri dei musei e anche la soddisfazione di Dario Franceschini

   
   
 
Il borsino della cultura.Crescono i numeri dei musei e anche la soddisfazione di Dario Franceschini
pubblicato

L’annata migliore per i musei? Il 2017. Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Statistica del MIBACT, il numero di visitatori dei luoghi statali della cultura, musei, siti monumentali e parchi archeologici, è aumentato del 7,3%, in riferimento al confronto tra il primo semestre di quest’anno e quello dell’anno scorso. E i 2 milioni in più rispetto al 2016 ne diventano 4, se andiamo al 2014, epoca ante riforma. 
‹‹La rivoluzione museale continua a produrre i suoi frutti e dimostra quanto fosse corretto dare autonomia ai musei, dotandoli di una direzione, un bilancio, un consiglio di amministrazione e un consiglio scientifico. Tutto questo ha permesso una decisa innovazione della gestione con risultati immediati, a partire da una maggiore presenza digitale››, ha sottolineato il ministro Dario Franceschini. 
Ma la legge dei grandi numeri può portare anche a grossi problemi, come ammetteva lo stesso ministro, poche settimane fa, in una intervista rilasciata al New York Times. Fattori di rischio e criticità legati al sovraffollamento, causato anche dalla concentrazione dei flussi turistici e mediatici in determinate aree a scapito di tante altre, magari meno visibili ma di inequivocabile pregio storico, artistico e paesaggistico. Per il momento, i numeri giovano agli attrattori, tra i quali i musei autonomi della riforma, e sfiorano gli altri interpreti "minori” del territorio. Una strategia di diffusione potrebbe premiare anche economicamente, considerando che, tra le altre cose, porterebbe a un evidente ampliamento dei settori dell’indotto. 
In ogni caso, la ricaduta economica fa registrare segnali positivi e questo elemento ha un suo peso, se il museo deve essere gestito e considerato come un’azienda, visto che questi 23.213.288 ingressi hanno portato introiti per 88.708.038 euro, portando a +17,2% gli incassi, rispetto al medesimo periodo del 2016. E visto che stiamo parlando di numeri, è possibile anche stilare una classifica delle regioni più "culturali”. Al primo posto si conferma il Lazio, con 10.131.268 visitatori (+2,23%) e 36.220.370 euro di incassi (+14,7%). La Campania consolida la seconda posizione conquistata nel 2015 con 4.375.734 ingressi (+15,4%) e introiti per 19.689.195 euro (+17,6%), mentre terza è la Toscana con 3.443.800 biglietti (+11,7%) e 16.520.112 euro di incassi (+17,1%). Tra le regioni più dinamiche per aumento di visitatori si segnalano invece la Liguria (+33,5%), il Veneto (+26,8%) e il Friuli Venezia Giulia (+23,35). Segno meno per le regioni del Centro colpite dal terremoto, con una nella flessione in Umbria (-18,3%), Marche (-16,6%) e Abruzzo (-15,6%).
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram