Il suono di Aria, Acqua, - Scoperta e Dialogo 3109 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.loves - Centrale Fies
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il suono di Aria, Acqua,
Scoperta e Dialogo

   
 Al Goethe Institute di Roma i suoni si fanno vivificanti. Di uno spazio, ma anche di quella che è l'essenza umana, con quattro interventi site specific  
 
Il suono di Aria, Acqua, - Scoperta e Dialogo
pubblicato

Sembra una fiaba di altri popoli, magari orientali. E invece al Goethe Institut di Roma, da stasera e per cinque giorni, potrete sentire il suono di Aria, Acqua, Scoperta e Dialogo, messi insieme negli ambienti dell'istituzione da Elena D’Alò, Flavia Massimo, Giuseppe Desiato, Claudio Panariello
Trattasi della prima parte del festiva ArteScienza, che a Roma quest'anno porta il titolo di "Inventare il futuro" e che insieme al Centro di Ricerche Musicali realizza questa piccola festa di mezza estate, con l'istituto aperto fino a mezzanotte. 
Il tema su cui si è riflettuto? "Il farmaco intelligente", che mira a sanare le criticità del presente in una prospettiva futura e come ritrovamento che tende a facilitare il lavoro, a migliorarne i prodotti e a produrne di nuovi: lasciata perdere la doppia etimologia della parola (in greco farmakon significa anche veleno, oltre che antidoto), ecco che sono pronte a suonare le opere della comune installazione "Il giardino dei suoni segreti”, appunto quattro lavori interattivi, ispirati agli elementi dell’aria e dell’acqua, e ai temi della scoperta e del dialogo.
Una visione partecipativa, visto che le installazioni risponderanno e si modificheranno in relazione alla presenza e/o all’azione del visitatore, creando un percorso sensoriale, con Ainur di Elena D’Alò il cui suono sarà determinato dalla percezione delle oscillazioni molecolari dell'aria, o lo Studio in tre fasi di Claudio Panariello, nel portico del Goethe, che è un'installazione ispirata alla stessa architettura, resa musicale. Ma c'è spazio, anche, per la voce muta dell'acqua, appunto, con Flavia Massimo e i suoi amplificatori nella fontana del giardino, mentre la scoperta - con Giuseppe Desiato - si fa video-installazione. Ma non è finita, perché nell’arco del mese saranno organizzati una serie di colloqui con artisti e ricercatori che rifletteranno con il pubblico sul lavoro di ricerca e le forme d’arte realizzate dal CRM per quest’occasione. Un'estate, insomma, che fa "risuonare" le questioni più importanti del pensiero, e della vita, umana. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram