Fino all'8.X.2017 - Sandro Tomassini, Opere 2005/2017 - Palazzo di Primavera, Terni 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2018
Experiencing urban art: in mostra al Rufa Space, i lavori degli studenti dell'Accademia
18/07/2018
Che forma hanno i sogni? Al Chiostro del Bramante, la mostra curata da Danilo Eccher
18/07/2018
Una lettera di minacce, con foto di Hitler, è stata recapitata ad Adachiara Zevi
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino all'8.X.2017
Sandro Tomassini, Opere 2005/2017
Palazzo di Primavera, Terni

   
  alessio crisantemi 
 
Fino all'8.X.2017 - Sandro Tomassini, Opere 2005/2017 - Palazzo di Primavera, Terni
pubblicato

Un'antologica che sembra quasi una collettiva. È l'impressione che sorge, quasi spontanea, visitando la mostra di Palazzo Primavera, a Terni, dedicata all'artista locale Sandro Tomassini
Un'esposizione dove trovano posto decine di opere – realizzate tra il 2005 e il 2017 – che rivelano la poliedricità dell'autore e l'impossibilità di classificare la sua creazione all'interno di un unica corrente. O di collocarla all'interno di qualunque schematizzazione. 
Dopo l'affermazione negli anni '70 e '80 nell’ambito del design del mobile (ha progettato e realizzato alcuni elementi di arredo come la cassettiera "settimino” laccata a pois o il "Tares”, esposti al Salone del mobile di Milano nel 1976 e recensiti sulle pagine di Casa Vogue dello stesso anno, per poi proseguire con altre collezioni di successo), a partire dal 2005 Tomassini ha intrapreso una duplice produzione artistica, sviluppata parallelamente sia nell’ambito pittorico che in quello plastico, realizzando una serie di cicli identificabili in Astrazioni geometriche e liriche; Immagini variabili; Scritture; Sondrat; Fumé, sulla base dei quali è stata organizzata e suddivisa la mostra ternana. Da attento interprete del contemporaneo, Tomassini sintetizza in figure e forme le idiosincrasie di un presente sempre più complesso, caratterizzato dalla perdita di ogni riferimento dogmatico e da una società che sembra  farsi ogni giorno più liquida. 

null
Sandro Tomassini, Scheletri nell'armadio

Con l'artista che si ritrova a mettere in discussione la propria individualità, sfuggendo dalla coerenza stilistica tipica dei suo predecessori, ricercando una corrispondenza tra il proprio essere, il proprio "fare” e il contesto sociale in cui si muove. In una continua evoluzione del suo linguaggio e delle modalità di espressione. Una continua mutazione a cui corrisponde, "un sempre diverso angolo di percezione del mondo e delle modalità di restituirlo sotto forma di rappresentazione e soprattutto di partecipazione”, come scrive Raffaele Gavarro nel 2007 nel suo saggio "Oltre l'estetica”. Da qui la sensazione di "spaesamento” che attanaglia il visitatore della mostra, e l'apparente rimando a una collettiva di cui parlavamo in premessa: per via delle differenti forme d’espressione e dal continuo sconfinamento tra i diversi generi artistici, che rappresentano però il tratto distintivo della sua opera, con una pittura declinata in forme plastiche e la fotografia che dialoga con il segno grafico. Insieme a lettere, segni e serie numeriche che si combinano con texture di design. Per un artista sempre sensibile alle molteplici contaminazioni di stili e materia. 

Alessio Crisantemi
mostra visitata il 16 settembre 

Dal 16 settembre all'8 ottobre 2017
Sandro Tomassini – Opere 2005/2017
Palazzo di Primavera, 
Via Giordano Bruno, 3 - Terni
Orari: dal martedì alla domenica 10.00-13.00 / 16.00-19.00
Info: www.comune.terni.it/palazzo-di-primavera-1
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessio crisantemi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram