Tre artisti geniali. - E ricchissimi 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tre artisti geniali.
E ricchissimi

   
 Hanno vinto 625mila dollari messi in palio dal premio "Genius" della Fondazione MacArthur. Sono Dawoud Bey, Njideka Akunyili Crosby e Trevor Paglen   
 
Tre artisti geniali. - E ricchissimi
pubblicato

Sono stati riconosciuti per la loro "straordinaria originalità": sono Dawoud Bey, Njideka Akunyili Crosby e Trevor Paglen, scelti tra una rosa di 24 finalisti per il premio "Genius" messo a bando dalla Fondazione John D. & Catherine T. MacArthur.
625mila dollari, distribuiti su un periodo di cinque anni, e quel che viene fatto con il denaro è affare di chi lo riceve. 
Conosciuto per le sue tele intricate di collage che si estendono da giornali, fotografie e tessuti commemorativi, il nigeriano Crosby è stato scelto per la capacità di sviluppare "una strategia di rappresentazione per la comprensione della cultura e della storia da più punti di vista simultaneamente". "Front Room", la sua personale al Museo d'Arte di Baltimora, si apre il 25 ottobre.
Il fotografo di Chicago Dawoud Bey ha affinato quello che la fondazione descrive come un "approccio espansivo alla fotografia". I suoi ritratti grandi e colorati incorporano le vite e i desideri dei personaggi raffigurati, talvolta attraverso testi scritti. Il fotografo è anche educatore e, secondo la fondazione, "rende gli spazi istituzionali più "vicini" alle comunità in cui si trovano".
Più conosciuto, invece, Paglen, il cui lavoro rende visibili alcuni dei luoghi più inaccessibili del mondo, tra cui basi e prigioni militari segrete. Più recentemente, Paglen ha esplorato il campo dell'intelligenza artificiale e ha sperimentato software per il riconoscimento del viso. Attualmente in mostra alla Metro Pictures di New York, fino al 21 ottobre, la Fondazione ha premiato Paglen per la capacità di "esaminare lucidamente i modi in cui i diritti umani sono minacciati in un'era di sorveglianza di massa". Congratulazioni!


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram