Milano Art Week/21. La fragile potenza di Rachel Hayes allo Showroom Missoni 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
22/03/2019
André Aciman ha annunciato che presto uscirà il romanzo sequel di Call me by your name
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Milano Art Week/21. La fragile potenza di Rachel Hayes allo Showroom Missoni

   
   
 
Milano Art Week/21. La fragile potenza di Rachel Hayes allo Showroom Missoni
pubblicato

Apre con il lavoro della giovane artista americana Rachel Hayes, a cura di Mariuccia Casadio, lo Showroom Missoni di Milano, durante la kermesse di miart. T
re grandi cilindri che vanno da pavimento a soffitto, fatti con una rete a griglia, occupano lo spazio vuoto. Su di essi, una variopinta varietà di gelatine di tutti i colori, mosse da ventilatori e animate dal riverbero di lampade che si accendo a intermittenza, creano un’atmosfera variabile, magica e giocosa, proiettando un arcobaleno di colori sulle pareti circostanti. Un lavoro, nelle parole dell’artista stessa, potente e fragile al contempo, che unisce a una presenza fisica e sensuale quella più immateriale ed esperienziale. 
Fonte d’ispirazione anche per la collezione 2018 della maison di moda, il lavoro di Hayes qui esposto, consiste anche nei patchwork appesi sopra il corridoio d’accesso: una serie di bandieruole di vari colori che si animano con il vento e modulano la luce, sono un filtro che accoglie i visitatori. Un lavoro incentrato sul tessuto, sulla sua variabilità nella leggerezza e sulla colorazione che si fa strumento del costruire soffice, flessibile e femminile.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico