A Bolzano l’arte arriva ai piani alti 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/10/2018
Bansky ha pubblicato un video in cui svela i dettagli dietro la distruzione di Girl With Balloon
19/10/2018
Al Palacio de Gaviria di Madrid va in scena Domus, la personale di Francesca Leone
19/10/2018
Strabismo di Leonardo. Il disturbo sarebbe stato decisivo per le sue opere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Bolzano l’arte arriva ai piani alti

   
 AltiPiani è un progetto che, per tre volte l’anno, apre le porte di due appartamenti di via Andreas Hofer 36, nel centro di Bolzano, per presentarvi una serie di mostre d’arte   
 
A Bolzano l’arte arriva ai piani alti
pubblicato

Quelle delle home gallery, ossia di abitazioni private, di case sfitte in attesa dei lavori di ristrutturazione, oppure di studi professionali, trasformati o riadattati in spazi espositivi, rappresenta un fenomeno ormai virale. Che parte da molto lontano. Nel secondo dopoguerra Giorgio de Chirico organizzava le sue mostre nell’appartamento di via Mario de’ Fiori a Roma; a inizio anni Novanta Hans Ulrich Obrist apriva la sua casa di San Gallo per "The Kitchen Show”. Ma è nei primi anni del nuovo millennio che le home gallery cominciano a imporsi massivamente, in quegli USA stremati dall’esplosione della bolla immobiliare e dalla crisi economica innescata subito dopo, sui mercati finanziari, dalla bancarotta di Lehman Brothers. Insomma, quando c’è bisogno di metri quadrati a buon mercato, di necessità si fa virtù, e si cominciano a impiegare gli spazi domestici, ad accesso pressoché gratuito. Il passaggio di questa pratica dalla Grande Mela all’Italia non è stato, poi, così lungo. E oggi mi trovo a documentare un altro caso di questo tipo, che ci conduce a Bolzano. Ai piani alti del Belpaese, ai piani alti dell’immobile in via Andreas Hofer 36 della città adagiata tra vigneti e le Dolomiti. È qui infatti che Roberto Farneti, Van Der e Di/Da, per tre volte l’anno, aprono le porte di due appartamenti per presentarvi delle mostre d’arte sviluppate negli spazi domestici del terzo e quarto piano. Il nome scelto per questo progetto non è scevro di ironia come ogni calembour che si rispetti: "AltiPiani”. Qui la bella vista può essere goduta, però, più "intra moenia” che dalle finestre di casa, perché il panorama prescelto è quello della ricerca artistica emergente italiana. Non a caso oggi, dalle ore 18 alle 22, sono di scena due dei suoi artefici più interessanti: Silvia Giambrone e Marco Gobbi. Che giocano veramente "in casa” – mi si perdoni il gioco di parole ma ci stava – dal momento che i loro lavori, nelle rispettive e personalissime declinazioni, sono da tempo incentrati sull’indagine della linea di confine tra la dimensione estetica e la sfera privata, andando a informare, come in questa occasione espositiva di Bolzano, la realtà domestica, di una convivenza tra opere d’arte e quotidianità dagli esiti quanto mai rabdomantici. (Cesare Biasini Selvaggi)

INFO
Opening: ore 18.00-22.00
16 maggio
AltiPiani
via Andreas Hofer 36, Bolzano

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram