Fino al 30.I.2019 - Robert Polidori, Devotion Abandoned - Studio Trisorio, Napoli 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 30.I.2019
Robert Polidori, Devotion Abandoned
Studio Trisorio, Napoli

   
  Giovanna Bile 
 
Fino al 30.I.2019 - Robert Polidori, Devotion Abandoned - Studio Trisorio, Napoli
pubblicato

Storicamente attento alla diffusione della fotografia, lo Studio Trisorio ha presentato l’ultimo lavoro di Robert Polidori, "Devotion Abandoned".
La mostra è frutto della presenza del fotografo canadese a Napoli, per lunghi periodi tra il 2017 e il 2018, e dell’esplorazione di luoghi abbandonati della città, alla ricerca delle stratificazioni sedimentate nel tempo, tracce di una psicologia collettiva fatta di rimozioni ed epifanie. Le Chiesa di Sant’Agostino alla Zecca e di Santa Luciella, la Disciplina della Santa Croce e il Sacro Tempio della Scorziata, la Chiesa di Santa Maria Vertecoeli, sono tra i luoghi fotografati da Polidori e dal suo banco ottico, rigorosamente con luce naturale. Ma anche la Casa di Marco Lucrezio Frontone e la Villa dei Misteri di Pompei e Piscina Mirabilis di Bacoli, per completare la narrazione del sacro con il suo contraltare civile e laico, da sempre coesistenti nel sentire campano.

null
Robert Polidori, Chiesa di Santa Luciella, Napoli, 2017, courtesy Studio Trisorio

Graffiti e scrostature, muschi e decorazioni marmoree sono riproposti con proporzioni 1:1 o maggiori: un grande formato che obbliga il visitatore a entrare nei luoghi, resi vividi dalla tecnica di stampa, a pigmenti archival su carta fine art, e da una modalità altamente performante di nebulizzazione dell’inchiostro su carta. La pastosità nella resa dei colori e l’accento sulla saturazione avvicinano Polidori a soluzioni pittoriche proprie dell’astrattismo e della coesistenza di diverse componenti materiche sulla tela, quasi un’illusione ottica che tradisce la bidimensionalità dell’immagine fotografica. 
Vincitore del World Press Award nel 1998 e dell’Alfred Eisenstaedt Award for Magazine Photography nel 1999 e nel 2000, Polidori è presente, con le sue opere, nelle collezioni del Metropolitan Museum of Art e del MoMa - Museum of Modern Art di New York, del Victoria and Albert Museum di Londra, della Bibliothèque National di Parigi. La sua poetica si è formata negli anni Ottanta, con la documentazione, per oltre trent’anni, dei restauri della reggia di Versailles, dove è nata la curiosità diretta verso ciò che non è stato salvato dal divenire del tempo. Negli anni seguenti ha realizzato progetti fotografici a L’Avana, a Chernobyl e a New Orleans, a seguito della devastazione derivata a seguito del passaggio dell’uragano Katrina.
Tra le immagini napoletane, invece, è possibile forse trovare le tracce di un ideale manifesto filosofico più che artistico: nella cripta della Chiesa di Sant’Agostino alla Zecca la fotografia di un uomo, omaggiato da una rosa impolverata, sotto un affresco parietale. E il monito di un graffito: "Amore per sempre”.

Giovanna Bile
Mostra visitata il 10 novembre 2018 

Dal 9 novembre 2018 al 30 gennaio 2019
Robert Polidori, Devotion Abandoned
Studio Trisorio
Riviera di Chiaia, 215 – 80121, Napoli 
Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13.30 e dalle 16 alle 19.30. Sabato, dalle 10 alle 13.30
Info: info@studiotrisorio.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giovanna Bile
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram