Fino al 29.IX.2019 - All’imbrunire. Alfredo Pirri - Museo della Città – Luogo Pio Arte Con... 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 29.IX.2019
All’imbrunire. Alfredo Pirri
Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea, Livorno

   
  francesca ceccherini 
 
Fino al 29.IX.2019 - All’imbrunire. Alfredo Pirri - Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea, Livorno
pubblicato

Luce e ossigeno. Elementi di sopravvivenza che sollecitano la vita. Ciò che serve alle cose viventi per generarsi e ri-generarsi, oggi all’essere umano necessari più che mai. 
All’imbrunire è il nuovo progetto site specific che l’artista Alfredo Pirri dedica alla città di Livorno, su invito della Direttrice artistica dei Musei Civici Paola Tognon. Uno spazio che nasce per la riflessione e l’incontro, fisico e metafisico, che ri-definisce la piazza esterna del museo, tra i Bottini dell’Olio e il Luogo Pio, per riunire, accogliere, lasciar respirare.
Il progetto è il frutto di una ricerca che ha visto la collaborazione dell’artista con botanici ed esperti di piantumazione, esito di un’indagine che si proietta nel futuro e si definisce nel trascorrere del tempo, un esperimento dell’immaginazione avviato grazie alle capacità di ri-disegnare e trasformare il reale proprie della pratica artistica di Alfredo Pirri.
L’installazione All’imbrunire si presenta come un giovane bosco di bambù – una pianta sempreverde e resistente, capace di donare grandi quantità di ossigeno grazie alla sua efficiente abilità di fotosintesi – che si raccoglie come una scultura vegetale tra gli edifici museali. Un bosco le cui radici sono destinate a radicarsi come una comunità, le cui canne potranno innalzarsi a cielo aperto sino a dieci metri d’altezza, intersecandosi, relazionandosi, confondendosi, fino a formare un luogo intimo, il cui centro è immaginato per ospitare un cuore di luce. All’Imbrunire vede infatti la presenza di un candelabro, un lampione originale destinato sino a poco tempo prima ad essere dismesso, proveniente dalla suggestiva Terrazza Mascagni, il belvedere livornese che, con la sua elegante balaustra, si affaccia sul mar Tirreno. Il candelabro, di matrice liberty, ripristinato e rielaborato dall’artista attraverso la realizzazione di un globo colorato, che incornicia la sfera primigenia alla sommità, si accende ogni giorno al tramonto, "sul far della sera”, nel tempo dell’imbrunire. Un’opera che si attiva insieme all’illuminazione pubblica quando il museo sta per concludere le sue attività quotidiane, illuminando il vicino bistrot e i suoi giovani bevitori abituali che, dal 6 aprile 2019, sono i testimoni più speciali della crescita e dell’innalzamento progressivo del nuovo edificio vegetale, al chiaro di una luna vicina, la cima del candelabro ripristinato a nuova vita, dalle sfumature verdi-turchine che evocano i colori del mare. Un’opera che si offre anche durante il giorno attraverso la luce naturale, in un procedere crescente scandito dal ritmo del vento e dal passaggio di visitatori e cittadini, a cui il lavoro è dedicato. 

null
All’imbrunire. Alfredo Pirri Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea, Livorno

All’imbrunire è un progetto che si nutre del tempo, ovviando la caducità grazie all’energia propria della natura di crescere, formare, tessere e, infine, resistere. Un atto simbolico che sollecita riflessioni sul modo in cui ci relazioniamo allo spazio, sul modo in cui lo viviamo e nel quale esistiamo, che si presenta qui come un dono grazie alla generosa visione dell’artista rivolta verso il futuro. 
Di fronte a progetti come questo - dove è evidente la capacità dell’arte di ri-vitalizzare, valorizzare e di farsi portatrice di valori comuni - ci si rende conto di come talvolta sia l’arte, con la sua immaginazione vitale, a prendersi cura dei musei e non il contrario.
Un processo che si deve anche alla nuova progettualità ideata da Paola Tognon, Inciampi, pensata per il Museo della Città di Livorno come "qualcosa che succede in modo inaspettato, che interrompe il fluire quotidiano delle nostre azioni e dei nostri pensieri. Gli inciampi sono progetti, opere e installazioni site specific che frammentano la continuità delle collezioni sensibilizzando il nostro passo davanti a inedite risonanze e contrapposizioni.” 
Dopo il primo Inciampo presentato il mese scorso, che ha visto l’invito di Eva Frappiccini e la presentazione del suo ultimo lavoro Il pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima all’interno del percorso museale, Alfredo Pirri avvia il secondo Inciampo con un innesto spaziale, il bambuseto all’esterno del museo che attende di crescere insieme alla comunità livornese, accompagnato anche da 33 disegni preparatori che l’artista ha trasposto su carta cotone e dalla grande scultura White Cube (2006), allestiti nello Spazio Lanterna del museo.

Francesca Ceccherini
mostra visitata il 6 aprile

Dal 6 aprile al 29 settembre 2019
Alfredo Pirri, All’imbrunire, 2019
Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea, Livorno
Orari: Dal martedì alla domenica 10.00-19.00.
Info:museodellacitta@comune.livorno.it; 0586-824551
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di francesca ceccherini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram