Un giorno a Ca' Rezzonico 3100 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Un giorno a Ca' Rezzonico

   
   
 
Un giorno a Ca' Rezzonico
pubblicato

07. Ca’ Rezzonico – Fondazione Musei Civici
Venezia
Dorsoduro, 3136
T. +39 041 241 0100
carezzonico.visitmuve.it

Il bello inverso
Flavio Favelli,
curated by Gabriella Belli
09.05 > 15.09.2019

Venezia Art to Date di Untitled Association è una mappa preziosa per appassionati d’arte e addetti ai lavori che, in occasione della 58a Esposizione Internazionale d’Arte, desiderano essere accompagnati tra gli appuntamenti più interessanti che animeranno in questo periodo la laguna.
Protagonisti della giornata di oggi sono gli spazi espositivi di Ca’ Rezzonico, i quali ospiteranno dal 9 maggio "Il Bello Inverso", mostra dedicata a Flavio Favelli: un intervento site-specific affidato alla curatela di Gabriella Belli, la quale ha selezionato quindici opere inedite dell’artista fiorentino. 
Nel Museo del Settecento Veneziano, nota bene l’artista, "non ci sono pareti da bucare”: è proprio sotto tale premessa che vengono a costituirsi le basi di un’opera site-specific nel senso più pratico del termine, con opere tridimensionali. Durante la mostra il visitatore verrà, infatti, posto di fronte ad un tripudio di varietà dal punto di vista dei materiali: da tralici a mobili e tabelle di latta, da costruzioni a insegne, lightbox, statue astratte e altro ancora, il tutto assemblato mediante la tecnica della sovrapposizione, d’immagini, trame e materiali in genere. Il tema centrale dell’esibizione è, invece, quello dell’alterazione che guida il processo che tramuta il segno in scritta, e quest’ultima in un logo in grado di snaturare il senso originale, conducendo a una nuova complessità formale e concettuale. È così che nel lavoro di Flavelli non confluisce solo la storia dell’arte, bensì anche quella del costume, degli oggetti protagonisti dell’installazione, della comunicazione e della pubblicità, "che in Italia ha influenzato la nostra storia più di quanto pensiamo”. 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram