Tra Calle dei Guardiani e Campo Santo Stefano 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tra Calle dei Guardiani e Campo Santo Stefano

   
   
 
Tra Calle dei Guardiani e Campo Santo Stefano
pubblicato

23. Galleria Alberta Pane
Calle dei Guardiani
Dorsoduro, 2403/H
T. +39 041 5648 481
albertapane.com

Island Ark
Marcos Lutyens
09.05 > 14.09.2019


46. Parasol Unit Foundation for Contemporary Art
c/o Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia
Campo Santo Stefano
Sestiere di San Marco, 2810
T. +39 041 5225 604
parasol-unit.org

THE SPARK IS YOU:
Parasol unit in Venice *C
Group show,
curated by Ziba Ardalan
09.05 > 23.11.2019



L’edizione speciale di Venezia Art to Date di Untitled Association ci conduce oggi nella Calle dei Guardiani, dove la Galleria Alberta Pane ospita, dalle 18 alle 21, il vernissage d’apertura di "Island Ark", ambizioso progetto di Marcos Lutyens che presenta alcune soluzioni per affrontare il problema della perdita di abitabilità di città come Venezia, così come di intere nazioni insulari in tutto il mondo, la cui sopravvivenza subisce una concreta minaccia a causa dell’innalzamento del livello del mare.
La proposta dell’artista londinese vede l’impiego di piattaforme petrolifere dismesse in forma di strutture isolane sopraelevate che siano in grado di sostituire quelle isole e quegli atolli che le onde del mare hanno sommerso: in questo senso, le stesse responsabili dell’innalzamento del livello del mare vengono ora utilizzate come strumento per contrastarne gli effetti. Nella prospettiva di Lutyens, la piattaforma Island Ark incarna la possibilità di un nuovo inizio in cui una comunità statale nazionale, trovandosi privata delle proprie terre ora sommerse, trascorre il proprio tempo sulla piattaforma, tra pratiche di coscienza, interazioni sociali creative e riconnessione sensoriale, con l’obiettivo di generare un rapporto armonioso con sé stessi, la comunità e l’ambiente circostante.
Proseguendo sul tracciato delineato da Venezia Art to Date, giungiamo ora negli spazi del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello, dove la fondazione londinese Parasol Unit presenterà da domani "THE SPARK IS YOU: Parasol Unit in Venice", un’esposizione dedicata a nove artisti iraniani contemporanei i cui lavori si incontrano sul suolo comune della poesia persiana classica. 
Ahmadvand, Ansarinia, Armajani, Farahani, Hesamiyan, Y. Z. Kami, Lashai, Navabi e Nuur sono i nomi che, sotto la curatela di Ziba Ardalan, sono stati selezionati per la loro peculiare capacità di guardare oltre l’ordinario: il fil rouge che lega i loro lavori è infatti rappresentato dall’affinità con l’apertura, il rispetto e l’interconnessione umana che li caratterizza e che acquista un valore centrale all’interno della mostra, proiettata verso la necessità di sviluppare una profonda empatia tra le diverse nazione e culture.
Il continuo scambio che nasce durante l’esibizione si rivela in molteplici forme, dall’eterogeneità delle opere, al desiderio degli artisti di comunicare con i pensatori di altre culture, sino a giungere all’incontro tra arte e musica, che nelle sale del conservatorio trova la propria affermazione più trionfale." THE SPARK IS YOU" vuole così trasmettere la vitale importanza di un dialogo aperto a maggiore comprensione e rispetto reciproci, stimolando una curiosità autentica verso tutto ciò che riguarda l’altro, il quale non prende la forma di una figura da temere e rigettare, bensì si rivela una preziosa fonte di arricchimento umano e culturale.



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram