Arte, vandalismo o mercato? Il meglio della street art italiana, in un bunker di Brescia 3144 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Arte, vandalismo o mercato? Il meglio della street art italiana, in un bunker di Brescia

   
   
 
 Arte, vandalismo o mercato? Il meglio della street art italiana, in un bunker di Brescia
pubblicato

Due lunghi corridoi paralleli che si estendono sottoterra per oltre 40 metri di lunghezza, soffitti bassi a volta e pareti dall’intonaco scrostato su cui ancora si leggono le tracce degli slogan incisi durante la seconda guerra mondiale, "W il duce”, "W la guerra”. Parliamo del rifugio antiaereo intitolato a Vittorio Arrigoni, a Brescia, che per tutto il mese di maggio funge da suggestiva e insolita cornice alle opere di dodici street artist italiani, chiamati dalla neonata associazione culturale Segmenti Urbani a confrontarsi con questo luogo di memoria.
 "Art of vandalism?” è un’esposizione collettiva che, attraverso il lavoro di alcuni tra i nomi più noti della street art italiana, getta uno sguardo sulle diverse pratiche artistiche di quello che, da movimento underground, si è trasformato, oggi, in vero e proprio fenomeno di massa. 
Dai lavori dei writer Tommy Sper e Bone, che traspongono su tele e tavole l’energia della strada, ai raffinati giochi calligrafici di Daniele Tozzi, la cui ricerca artistica si precisa nell’ambito del lettering, agli stencil di Nabla e Zibe con il volto de "il mio amico Arnold”, il loro logo più famoso, di Uno e Icks, passando dalle tele di Nemo’s, con le sue figure antropomorfe, nervose e cariche di inquietudini, ai poster di Stelle Confuse e Guerrilla Spam, all’intervento di poesia di strada e assalto poetico del milanese Ivan Tresoldi e, ancora, al progetto site specific di Biancoshock che, con un intervento sottile e spiazzante, ricostruisce all’interno del bunker un negozio di telefonia che, in un’era invasa dalla tecnologia e dalla connessione, promuove la non-linea. "Art of Vandalism?” offre uno spaccato variegato e interessante su un fenomeno globale purtroppo ancora oggetto di fraintendimenti e letture equivoche. 
Nata come atto spontaneo e illegale, con la volontà di agire nel tessuto urbano e interagire con l’ambiente e le persone, senza vincoli né restrizioni, oggi la street art è divenuta oggetto di interesse da parte delle istituzioni e dei tradizionali circuiti commerciali dell’arte ma il dibattito sulla legittimità o meno dell’intervento in strada, sui muri e sui treni si è caricato di ulteriori interrogativi. Arte o vandalismo? Esaustiva la risposta a questa domanda nella scelta della curatela di evidenziare il legame imprescindibile nella street art, tra azione in strada condotta illegalmente e opere commerciali, attraverso il variegato universo creativo dei suoi autori. 
A completare il percorso espositivo le immagini di quattro fotografi; S.B., Giovanni Candida, Robby Rent e Anton Akimov presentano altrettanti progetti che documentano l’incredibile sviluppo negli ultimi anni dell’arte urbana in Europa. Non manca infine una sezione dedicata alla sticker art, con il progetto "Bombing Bunker”; promossa dall’associazione culturale Segmenti Urbani, l’iniziativa ha raccolto adesivi da tutto il mondo, gettando luce su una forma della street art più discreta e meno eclatante, lontana dal gigantismo del graffito ma intrisa di una forza comunicativa dirompente. (Antonia Bertelli)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram