Ricordando Peggy. Alla Collezione Guggenheim, nuovi punti di vista su una storia incredibile 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ricordando Peggy. Alla Collezione Guggenheim, nuovi punti di vista su una storia incredibile

   
   
 
Ricordando Peggy. Alla Collezione Guggenheim, nuovi punti di vista su una storia incredibile
pubblicato

In fuga da Parigi, sotto assedio delle truppe tedesche, si rifugiò a New York, dove aprì la sua prima galleria d’arte, dedicata a "questo secolo”. La storia di Peggy Guggenheim è quella di un Novecento attraversato con passione, dai salotti bohemien alle Cascate del Niagara, ma fu a Venezia che la grande mecenate e icona di stile decise di rimanere, fino alla sua scomparsa, il 23 dicembre del 1979. Queste vicende biografiche, come quelle della sua incredibile collezione - che fu esposta per la prima volta alla 24ma edizione della Biennale d'arte, nel Padiglione greco, ed è stata un crocevia delle personalità dell’arte e della cultura più influenti del XX Secolo - sono già conosciute ma rimangono ancora tanti aspetti inediti, che saranno raccontati a Incroci, una serie di appuntamenti con artisti, curatori, scrittori e studiosi, invitati dal museo Guggenheim di Venezia a presentare la loro visione dei fatti. 
Incroci fa parte del più ampio Public Program, dedicato alla "Continuità di una visione” e realizzato con il sostegno della Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz. Si tratta di una serie di attività che si svolgono tutto l’anno, dentro e fuori il museo, volte ad attualizzare l’insegnamento di Peggy Guggenheim, a 40 anni dalla sua scomparsa e a 70 dalla prima mostra organizzata a Palazzo Venier dei Leoni.
Si inizia giovedì, 23 maggio, per un doppio appuntamento, alle 11 e alle 15, con Paolo Patelli.  Nato in Istria nel 1934, Patelli frequentò Palazzo Venier dei Leoni negli anni ’50, quando Peggy apriva le porte della propria casa, acquistata nel 1948, a tutti coloro che volevano godere della sua collezione. Patelli restituirà i propri ricordi di quegli anni e racconterà come le opere della Collezione lo abbiano fortemente ispirato, nella sua produzione artistica. 
Da maggio a ottobre, nelle sale di Palazzo Venier dei Leoni, si alterneranno lo scrittore e critico cinematografico Carlo Montanaro, il curatore e storico dell’arte Luca Massimo Barbero, il giornalista e storyteller Luca Scarlini, il fotografo Nino Migliori, la critica e curatrice Maria Luisa Frisa, lo scritto Tiziano Scarpa. Sette racconti, sette tagli e spunti originali sulla collezionista americana e la sua arte.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram