MUSICA 3043 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

MUSICA

   
 Liberato torna a Capri ma non galleggia
di Antonio Mastrogiacomo
 Antonio Mastrogiacomo 
 
MUSICA
pubblicato

Tutti coloro che hanno avuto il merito di farsi la domanda giusta hanno ricevuto una risposta prevedibile: Liberato è tornato. Nel giorno del suo compleanno non ha mancato di ringraziare tutti del pensiero, caricando – proprio lui – sul suo account di Youtube un vero e proprio testamento audiovisivo, un dramma in cinque atti da vedere tutto d'un fiato, che la storia d'amore è "troppa bella”, che dopo Capri Revolution c'è sempre spazio per un Capri Rendez-Vous. Insomma, un vero e proprio EP in salsa audiovisiva che lo porta direttamente negli schermi a misura di pollici, in attesa di una prossima tetralogia dai contenuti esotico-partenopei, magari sul grande schermo.
Una storia tormentata, quella di Capri Rendez-Vous, che si nasconde nelle pieghe della nostalgia legata al tempo trascorso, vera panacea da offrire a una generazione di novelli residuati incapaci di vivere il presente pur di rifugiarsi nel passato. Una miscela esplosiva di contenuti e forme che può essere consumata una volta sola, che due volte è troppo e la papera non galleggia comunque, ché non c'è da piangere. 

null
Liberato, Capri Rendez-Vous

Siamo lontani, lontanissimi dalle hit d'esordio, eppure vicini al vero volto di Liberato, che apre temporary shops, organizza concerti, fabbrica vinili. Una roba serissima, quasi quanto l'impegno del sempre encomiabile Francesco Lettieri nel nasconderlo dietro le sue immagini pronte all'uso. Giusto il tempo di tenere acceso il sacro braciere dell'arte come merce, et voilà. Si rianima il circolo dell'anonimato, a garanzia del suo successo. Fate un giro in rete, ci siamo cascati nuovamente tutti.
Ma la cosa più importante resta il dato eminentemente culturale che raccogliamo, facendo riferimento ai titoli di coda, dove in successione trovano spazio i mostri sacri del cinema quali modello ineludibile e, guarda un po', nessuno in ambito musicale. Bene, accanto ai titoli di coda inseriteci cose tipo Dior, Chanel e tutte queste firme qui, perché il tipo di immaginario cui si è rivolto in questa occasione il Liberato nazionale è decisamente merceologico, pur riparato dalla foschia artisticamente impegnata che ne anima il mistero. Il punto su cui dobbiamo riflettere è se non sia arrivato il momento di dimenticare Liberato come il buon protagonista; dubito ce ne libereremo.

Antonio Mastrogiacomo 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Antonio Mastrogiacomo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram