Leonardo Rock Star. E il sito del Louvre va in tilt per la prevendita dei biglietti 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Leonardo Rock Star. E il sito del Louvre va in tilt per la prevendita dei biglietti

   
   
 
Leonardo Rock Star. E il sito del Louvre va in tilt per la prevendita dei biglietti
pubblicato

Il Louvre ha già venduto quasi 36mila biglietti in sole 30 ore di prevendita online, per la mostra in occasione delle celebrazioni del cinquecentenario di Leonardo da Vinci, che aprirà il 24 ottobre 2019. Il numero di accessi è stato talmente alto che ha mandato il sito del museo in tilt per diverso tempo, lasciando nello sconforto centinaia di altri utenti che avrebbero voluto acquistare gli agognati ticket. Ricordiamo, infatti, che per visitare quella che si annuncia come la mostra del secolo, sarà obbligatoria la prenotazione e, per evitare pericolosi quanto prevedibili affollamenti, i biglietti sono a tempo, per una visita rapida e – si spera – indolore.
Dal Louvre hanno spiegato che avevano previsto un boom di accessi al sito ma la complessità delle operazioni di acquisto, oltre alle attività di routine dei server, ha causato diversi bug. I biglietti per la mostra di Leonardo possono essere acquistati anche sul sito della FNAC, partner del Louvre, che funziona perfettamente ma con un sovraprezzo di un euro. D’altra parte, FNAC è abituata a questa mole di richieste, visto che gestisce anche le prevendite per concerti di gruppi come i Coldplay. «Ma Leonardo è come una rock star», ha commentato, a Le Parisien, Arnaud Averseng, presidente di France Billet, società che gestisce il servizio di bigliettazione di FNAC.
E dire che quando il Louvre – che possiede la più ampia collezione di dipinti del genio vinciano: La Vergine delle Rocce, La Belle Ferronnière, il San Giovanni Battista, la Sant’Anna con il Bambino e, ovviamente, la Gioconda – chiese alcune opere in prestito ai musei italiani, il sottosegretario ai beni culturali, la leghista Lucia Borgonzoni, andò su tutte le furie. In ogni caso, il progetto espositivo del museo parigino sarà piuttosto semplice e chiaro, alternendo i dipinti e i disegni con un ristretto ma significativo gruppo di opere ascrivibili al circolo del Maestro. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram