Addio a Valentina Cortese, l’ultima, grande diva italiana 3049 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Addio a Valentina Cortese, l’ultima, grande diva italiana

   
   
 
Addio a Valentina Cortese, l’ultima, grande diva italiana
pubblicato

Si è spenta oggi, 10 luglio, nella sua casa di Milano, all'età di 96 anni, Valentina Cortese, diva del cinema italiano, grande interprete di opere teatrali, attrice in pellicole storiche come, tra le molte altre, Effetto Notte, di François Truffaut, per la quale interpretò uno dei suoi ruoli più iconici, e poi Quando muore una stella, di Robert Aldrich, Fratello sole, sorella luna, di Franco Zeffirelli, Le avventure del barone di Munchausen, di Terry Gilliam.
Immediati e numerosissimi i messaggi di cordoglio, da parte del mondo del cinema e della cultura. «Con la scomparsa di Valentina Cortese lo spettacolo italiano perde l'ultima diva del cinema e del teatro. Una perdita ancor più dolorosa per il sottoscritto, che ha avuto l'onore di conoscerla e frequentarla sin da giovane», ha commentato Carlo Fontana, Presidente AGIS-Associazione Generale Italiana dello Spettacolo.
Valentina Cortese nacque a Milano, nel 1923, e debuttò sul grande schermo nel 1940, nel film L'orizzonte dipinto, di Guido Salvini. Nel 1948, ormai conosciutissima, recitò ne I miserabili, in cui compare un giovane Marcello Mastroianni, e firmò un contratto con la 20th Century Fox, lavorando in pellicole come Malesia, con James Stewart e Spencer Tracy, I corsari della strada, di Jules Dassin, e La contessa scalza, accanto ad Ava Gardner, Humphrey Bogart e Rossano Brazzi. Nel 1955, vinse il Nastro d'argento come migliore attrice non protagonista per la sua parte in Le amiche, di Michelangelo Antonioni.
Dopo alcune partecipazioni televisive italiane, come I Buddenbrook, dove fu diretta da Edmo Fenoglio, l'incontro con Giorgio Strehler, con il quale ebbe anche una relazione, e il teatro misero in mostra le sue qualità di attrice drammatica.
Intenso anche il suo rapporto con l’arte contemporanea, come interprete di Caterina de Dominicis in La Ferdinanda: Sonate für eine Medici-Villa, film del 1981, di Rebecca Horn. Compare anche in The End, episodio di An embroidered trilogy (una trilogia del ricamo), progetto di Francesco Vezzoli, del 1997.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram