Cosimo Veneziano - mORALE 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GUILMIARTPROJECT ​ Via Italia 30 Guilmi 66050

Guilmi (CH) - dal 13 al 23 agosto 2017

Cosimo Veneziano - mORALE

Cosimo Veneziano - mORALE
Cosimo Veneziano, logo mORALE, grafica digitale, GuilmiArtProject 2017
 [Vedi la foto originale]
GUILMIARTPROJECT
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Italia 30 (66050)
guilmiartproject@gmail.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'artista torinese da sempre interessato alla retorica dei monumenti e dei simboli, è alle prese con la ricezione, la cura e la musealizzazione dell'opera d'arte nella sfera privata e domestica di una comunità fuori dal sistema dell'arte
orario: dalle 11.00 - 12.30 e dalle 15.00 alle 20.00
Dopo la chiusura della mostra il mORALE continuerà ad essere visitabile a seconda della disponibilità delle diverse cellule museali
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 agosto 2017. 18.00
curatori: Federico Bacci, Lucia Giardino
autori: Cosimo Veneziano
genere: documentaria, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Inizia ufficialmente il 20 luglio per concludersi il 13 agosto, il soggiorno di Cosimo Veneziano a GuilmiArtProject, la residenza d'artista che dal 2009 ospita a Guilmi (Ch) professionisti individuati direttamente dai curatori e che non prevede una call. L’artista torinese, invitato già da luglio 2016 ad elaborare un progetto ambizioso da finalizzare con l’imminente residenza, ha avuto quindi un tempo esteso per valutare le azioni da intraprendere per mORALE, il museo orale e diffuso nelle case dei guilmesi.
mORALE si innesta nello sviluppo naturale di GuilmiArtProject e ne sintetizza l’operato quasi decennale, come residenza d’artista fortemente orientata ai processi mediatici dell’arte rivolti alla comunità. Con le sue varie edizioni infatti, GAP ha trasformato in urgenza l’esigenza di tradurre in termini più direttamente pedagogici non solo le attività corollarie del proprio palinsesto, ma anche l’opera finale prodotta dall’artista in ambito residenziale. Sono sorte così domande puntuali: che cos’è l’oggetto artistico? cosa possono comunicare l’arte e/o l’arte contemporanea? come può quest’ultima fungere da decodificatore ai fatti della storia passata, della società contemporanea e anche delle piccole comunità come Guilmi? come demistificarla evitando logiche di consumo ed inserirla in un discorso di senso, anche rapportato al paese? l’agire dell’artista si può intendere come etico? ha senso parlare di opera d’arte come processo conoscitivo?
Dopo aver condiviso questi interrogativi con Cosimo Veneziano, che da sempre s’interroga sul valore semantico dell’opera d’arte e del monumento nelle loro specificità di collocazione pubblica, Federico Bacci e Lucia Giardino, curatori del progetto, hanno iniziato con lui un dialogo serrato, delegandogli, con l’invito, la responsabilità delle risposte. Queste arriveranno in seguito a interviste, ricerche, considerazioni e analisi visive dei display nelle case dei guilmesi che negli anni hanno interagito più direttamente con i processi artistici di GAP, a volte collezionando non solo opere o manufatti artistici, ma anche testimonianze di relazioni intrattenute con gli artisti. Il mORALE sarà un museo che all’asetticità di un’architettura dedicata e all’univocità delle informazioni scientifiche, preferirà la multiformità delle case private e l’inciampo del racconto dei guilmesi trasformati in veri e propri operatori museali. A questo fa riferimento il titolo ironico ma programmatico di mORALE, che richiama inoltre l’importanza dell’oralità come strumento primario di socialità, come elemento fluido e trasformativo, antagonista rispetto alla fissità della parola scritta; l’oralità come storicamente appannaggio dei contesti e delle tradizioni popolari e atto di resistenza di una comunità che decide di raccontarsi e non farsi raccontare; infine come verifica dell’acquisizione di proprietà di linguaggio relativa all’arte, per vagliare se la centralità dell’opera possa avere un senso in un contesto come quello guilmese e in generale nei luoghi decentrati e nelle periferie dell’arte.
Le porte di mORALE apriranno per la prima volta i battenti il 13 agosto e successivamente ad orari che varieranno a seconda della disponibilità delle singole cellule museali.
 
trovamostre
@exibart on instagram