Filippo Piantanida - Maps 3143 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2018
La metropolitana di New York e Spotify omaggiano David Bowie, con i ticket da collezione
20/04/2018
L’Agenzia Spaziale Europea digitalizza 82mila manoscritti della Biblioteca Vaticana
19/04/2018
Perdersi a Los Angeles, con la mappa di David Hockney
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA GHIGGINI 1822 ​ Via Albuzzi 17 Varese 21100

Varese - dal 10 marzo al 16 aprile 2018

Filippo Piantanida - Maps

Filippo Piantanida - Maps
GHIGGINI 1822
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA GHIGGINI 1822
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Albuzzi 17 (21100)
+39 0332284025
galleria@ghiggini.it
www.ghiggini.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nella mostra saranno protagoniste una serie di opere realizzate tramite collage fotografici di visioni satellitari di aree geografiche selezionate.
orario: da martedì a sabato 10-12.30/16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 marzo 2018. h 17.30
catalogo: in galleria. Catalogo digitale ed. GHIGGINI
curatori: Eileen Ghiggini
autori: Filippo Piantanida
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
COMUNICATO STAMPA
Abbiamo il piacere di comunicare che sabato 10 marzo alle ore 17.30 avrà luogo in Galleria GHIGGINI a Varese
l'inaugurazione dell'esposizione MAPS di Filippo Piantanida; una mostra in cui saranno protagoniste una serie di opere
realizzate tramite collage fotografici di visioni satellitari di aree geografiche selezionate.
Il progetto MAPS evoca confini dai contorni spesso già noti ma, al contempo riattualizza tutti gli interrogativi sulla
impossibilità di una trasposizione esatta, definitiva del confine e dunque mette in crisi il concetto stesso di mappa in quanto tale. Il tempo influisce fortemente sulle mappe, ma non in senso metaforico (di geologia o geografia in perenne mutamento) ma in senso costitutivo, in quanto i movimenti del satellite che fotografano la terra hanno orbite temporalmente limitate e dunque nella ricomposizione dei collage obbligano il fotografo a utilizzare anche scatti di mesi e a volte di anni diversi. MAPS evoca la consapevolezza dell’impossibilità di una mappatura e quindi la comprensione univoca e definitiva del mondo viene portata all’estremo e visualizzata attraverso la moltiplicazione e la differenziazione delle “strisce” che vanno a comporre le diverse mappe. Le “strisce” sono ottenute dalla ricomposizione di scatti dei diversi satelliti lanciati dalla NASA dal 1972 a oggi secondo orbite prestabilite. Non è dunque sempre possibile avere due
parti di superficie contigue scattate nello stesso giorno. Uno degli aspetti più interessanti di questa nuova ricerca è che
risponde, con la più sofisticata tecnologia disponibile, a una necessità umana ancestrale e mai esaurita ovvero quella di
creare visioni del mondo conosciuto riducendo sempre più la porzione di ignoto che ci circonda.
Filippo Piantanida è un fotografo professionista. Per diversi anni è stato docente presso IED di Milano; da sempre è
impegnato con progetti artistici e collaborazioni con diverse gallerie italiane e straniere come Corsoveneziaotto (Milano)
e Gouvvernec-Ogor (Marsiglia). Piantanida ha preso parte a fiere e mostre di rilievo come le collettive che si sono svolte al Museo di Foligno CIAC (2009), al Museo Internazionale di Marsiglia (2011) e presso Fondazione Pirelli (2012).
La conoscenza tra Piantanida e Ghiggini risale al 2009, anno della sua partecipazione e vittoria al Premio GhigginiArte VIII edizione, il concorso della galleria dedicato alla giovane arte contemporanea, un riconoscimento ottenuto con untitled ed
evoluzione, una serie basata anch’essa sulla ricerca spazio-tempo.
 
trovamostre
@exibart on instagram