Simone Monsi - New Blabs on Clouds and Planes 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
La fantascienza è adesso. Ancora pochi giorni per partecipare al bando di Festival Robotics
20/09/2018
Ikebana con Malevic. I vasi e le lampade suprematiste dello studio di design NOOM
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO LEONARDO ​ Viale Della Liberazione 16A Milano 20124

Milano - dal 20 giugno al 14 settembre 2018

Simone Monsi - New Blabs on Clouds and Planes

Simone Monsi - New Blabs on Clouds and Planes

 [Vedi la foto originale]
SPAZIO LEONARDO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Della Liberazione 16a (20124)
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto sviluppato da Monsi per la Gallery di Spazio Leonardo parte dall’osservazione di fenomeni atmosferici anomali, causati dall’eccessivo inquinamento derivante dall’intervento umano sull’ambiente, e dalla loro percezione mediata da internet
orario: dal lunedì al venerdì 10:00 – 18:00
dal 6 al 24 agosto: lunedì - giovedì 10:00-12:30 // 14:30-17:30 | 15 e 16 agosto chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 giugno 2018. ore 18 su invito
autori: Simone Monsi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
UNA presenta al pubblico la mostra personale di Simone Monsi: New Blabs on Clouds and Planes,
secondo appuntamento del programma espositivo annuale in collaborazione con Spazio Leonardo, il nuovo
contenitore di Leonardo Assicurazioni - Generali Milano Liberazione.
Il progetto site-specific sviluppato da Monsi per la Gallery di Spazio Leonardo parte dall’osservazione di
fenomeni atmosferici anomali, causati dall’eccessivo inquinamento derivante dall’intervento umano
sull’ambiente, e dalla loro percezione mediata da internet.
La mostra comprende un nuovo ciclo di Transparent Word Banner, lievi strutture in plexiglass colorato che
riportano frasi tratte dal dibattito mediatico sulla modificazione climatica, e alcune sculture della serie
Capitolo Finale, soffici totem-mano di stoffa tappezzate da immagini collezionate seguendo l’hashtag
#sunsetporn, in cui compaiono tramonti tanto belli, quanto innaturali.
In occasione della mostra, verrà prodotto un catalogo con un testo critico di Rossella Farinotti e le installation
view del progetto site-specific.
“L’azione visiva di Simone Monsi rielabora messaggi diffusi e scovati su Internet. L’artista si riappropria di
immagini di diverse tipologie, che raccoglie ossessivamente per una catalogazione personale, con un
metodo quasi induttivo: dal generale al particolare. Monsi è attratto dal pensiero collettivo, che rende intimo,
portandolo a sé e re-indicizzandolo come una pacata, quasi piacevole, denuncia critica. Questo avviene
attraverso la messa in gioco di rielaborazioni visive puramente estetiche. Come rendere appetibile, chiaro e
sintetico un pensiero buttato in rete e confuso tra gli altri, che, in realtà rappresenta qualcosa di tragico,
denso e, di fatto, comune?”

Rossella Farinotti



Simone Monsi (*1988) ha conseguito un MFA presso Goldsmiths University di Londra nel 2016, attualmente vive e
lavora a Milano.
Tra le mostre a cui ha partecipato si segnalano: Refresh02 – #LAYERS. Contemporary Art in the Digital Era, a cura di
Fabio Paris e organizzata da iMAL, La Raffinerie, Bruxelles, 2018; Hyper-Faded Ordinary Life. Simone Monsi e Lucia
Cristiani, a cura di Carlo Sala, TRA Treviso Ricerca Arte, Treviso, 2018; Deposito d’Arte Italiana Presente, a cura di Ilaria
Bonacossa e Vittoria Martini, Artissima, Torino, 2017; Utopias are more or less fascistic, a cura di Roxane Bovet, Nicolas
Krupp, Basilea, 2017; Spero che questo trasloco sia l’ultimo (solo show), Placentia Arte, Piacenza, 2017; Cyphoria, a
cura di Domenico Quaranta, 16a Quadriennale d’arte, Roma, 2016.
Nel 2018 è risultato vincitore del bando promosso da Regione Piemonte-Direzione Agricoltura in collaborazione con
Artissima per l'ideazione dell’immagine coordinata dello Spazio Regione Piemonte nell’ambito della 52a edizione di
Vinitaly, Verona. Nel 2017 ha vinto il Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, Pieve di Soligo (TV) e ha
ricevuto una menzione speciale della giuria al CARIOCA KIDS Prize, Artissima, Torino.
UNA nasce nella primavera 2018 a Piacenza, dalla direzione artistica degli ultimi tre anni di Placentia Arte, come nuova
realtà dedicata all'arte contemporanea. UNA prosegue il lavoro svolto con gli artisti presentati tra il 2015 e il 2017 nello
spazio di Placentia Arte e, parallelamente, si pone l’obiettivo di espandere la propria attività, aprendosi a nuove
collaborazioni, con un approccio più dinamico e internazionale. Come punto fondamentale si mantiene l' attenzione agli
artisti emergenti e al valore della ricerca presentata. www.unagalleria.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram