Cristian Chironi – Polychromy 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
La fantascienza è adesso. Ancora pochi giorni per partecipare al bando di Festival Robotics
20/09/2018
Ikebana con Malevic. I vasi e le lampade suprematiste dello studio di design NOOM
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MARSELLERIA 2 ​ Via Privata Rezia 2 Milano 20135

Milano - dal 27 giugno al 14 settembre 2018

Cristian Chironi – Polychromy

Cristian Chironi – Polychromy

 [Vedi la foto originale]
MARSELLERIA 2
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Privata Rezia 2 (20135)
+39 , +39 (fax), +39
info@marselleria.org
www.marselleria.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

un progetto multidisciplinare dell'artista Cristian Chironi, tra dimensione spaziale, visiva e sonora.
orario: lun - ven, 10-13, 14 -18 e su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 27 giugno 2018. h 19
autori: Cristian Chironi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Marsèlleria presenta Polychromy, un progetto multidisciplinare dell'artista Cristian Chironi, tra dimensione spaziale, visiva e sonora.
In mostra una Fiat 127 modello Special, ribattezzata Camaleonte per la capacità di mutare il colore della carrozzeria a seconda dei contesti.
Partita dal Museo Nivola di Orani (NU), città natale dell'artista, la 127 ha percorso molti km seguendo le tappe dei viaggi italiani di Le Corbusier. Approda ora a Milano, città che esplorerà sia in movimento che in sosta negli spazi di Marsèlleria, accogliendo al suo interno i visitatori della mostra per un viaggio virtuale e reale.La Fiat 127 Special è infatti un “laboratorio” di sperimentazione lecorbuseriana, nella sua funzione di mezzo di trasporto popolare e attraverso il suo uso sonoro e visivo, con le storie raccontate nel suo abitacolo e gli accostamenti cromatici della carrozzeria, legati alle teorie di Le Corbusier.

Dall'abitacolo sarà possibile ascoltare gli audio-documenti e le composizioni sonore del progetto di Chironi My sound is a Le Corbusier, nato dalla sinergia con Francesco Brasini e con diversi musicisti, tra cui il Coro di Radio France, Alessandro Bosetti, Massimo Carozzi, Dominique Vaccaro, Daniela Cattivelli e molti altri. Si tratta di composizioni sonore registrate in varie abitazioni disegnate da Le Corbusier nel mondo, che in questo caso comprendono gli inediti della tappa indiana a Chandigarh, città nel nord del Paese interamente progettata dall’architetto svizzero nel 1953.

Questa ‘macchina per abitare’ viene personalizzata seguendo gli accostamenti cromatici tipici delle case in cui Chironi risiede con il progetto My house is a Le Corbusier, nato per rileggere l’eredità di Le Corbusier attraverso la sperimentazione della quotidianità all’interno delle sue architetture, creando uno spazio di riflessione sociale e politico contemporaneo legato alle idee moderniste del grande architetto.
Accanto all’auto si sviluppa, lungo tutta una parete, una tastiera "architettonica" che contiene le associazioni di 43 tonalità, ognuna delle quali produce un effetto atmosferico, oltreché la finestra cromatica di 288 accordi di colore progettata da Le Corbusier - le policromie architettoniche elaborate nel 1931 che comprendono colori forti e più tenui, seguendo precise regole di compresenza - da accostare intuitivamente e sincronicamente, come fossero dei suoni. I colori sono applicati ai vari componenti della carrozzeria, creando una trama visiva riconoscibile e fantastica.

Cristian Chironi vive e lavora in differenti città del mondo. Utilizza diversi linguaggi, facendoli dialogare spesso insieme. Ha realizzato lavori site-specific di carattere performativo e installativo, cercando sempre l’interazione con il contesto, sia esso umano (pubblico) che ambientale (spazio). www.cristianchironi.it
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram