Patricio Reig 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MC2 GALLERY ​ Via Malaga 4 Milano 20143

Milano - dal 6 novembre al 6 dicembre 2018

Patricio Reig

Patricio Reig

 [Vedi la foto originale]
MC2 GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Malaga 4 (20143)
+39 0287280910 , +39 0287280910 (fax)
mc2gallery@gmail.com
www.mc2gallery.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

mc2gallery chiude la sede di Via Malaga 4 a Dicembre a Milano per spostarsi da Gennaio 2019 nei nuovi spazi della galleria Ncontemporary in Via Lulli 5 a Milano.
Come ultima mostra, mc2gallery presenta la prima personale italiana di Patricio Reig (Argentina, 1959).
orario: da mercoledì a sabato ore 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 novembre 2018. ore 18.30
curatori: Claudio Composti
autori: Patricio Reig
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Come ultima mostra, mc2gallery è lieta di presentare la prima personale italiana di Patricio Reig (Argentina, 1959). Da sempre interessato alla sperimentazione di processi fotografici alternativi, ha focalizzato la sua ricerca su tecniche quali il collodio umido, la carta salata o la fotografia stenopeica. Reig ha recentemente elaborato una tecniche personale, che utilizza bitume, caffè o emulsioni sensibili applicati a carte di diverso tipo che attribuiscono all’immagine un aspetto antico e prezioso. Il suo lavoro è talmente eterogeneo che è difficile darne una descrizione univoca, ma certamente ruota attorno al tema centrale del tempo e della memoria, ai cicli della vita e della morte e della figura femminile, tra i soggetti protagonisti indiscussi del lavoro di Reig. Ne è l’emblema la sua serie TLMSLM (Todas Las Mujeres Son La Misma) costituita da 10 ritratti di donne: mentre i volti sono stampati direttamente su plexiglass, dietro i ritratti all’interno delle cornici inserisce oggetti, stoffe, carte di libri antichi che immagina essere appartenuti loro, creando così una sorta di scatola del tempo. Colleziona e utilizza fotografie anonime trovate nei mercatini, per parlare di un passato che appartiene a tutti noi, in un nostalgico specchio di storie e ricordi. Davanti alle sue splendide carte lavorate qualcosa tocca le corde intime del nostro animo. Questo senso di memoria narrativa viene poi rinforzata dalla sua calligrafia d’altri tempi che aumenta la forza di questi racconti per immagini.
Una mostra affascinante che accompagna l’osservatore in un viaggio introspettivo e nostalgico di grande impatto emotivo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram