Jan Kalab | SatOne | Stephen Smith - A Matter of Form 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/03/2019
La storia di Galleria Borghese raccontata in un nuovo volume della Treccani
20/03/2019
Per questo fisico, la storia dell’arte si racconta con l’algoritmo dell’entropia
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAGMA GALLERY ​ Via Santo Stefano 164 Bologna 40125

Bologna - dal 17 novembre 2018 al 12 gennaio 2019

Jan Kalab | SatOne | Stephen Smith - A Matter of Form

Jan Kalab | SatOne | Stephen Smith - A Matter of Form
Stephen Smith, 2018, City Crusher, 100x70 cm
 [Vedi la foto originale]
MAGMA GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Santo Stefano 164 (40125)
+39 380 767 57 18
info@magma.gallery
www.magma.gallery
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Anche in questa nuova mostra la galleria continua a proporre al pubblico grandi nomi internazionali per la prima volta in Italia, come nel caso di SatOne e Stephen Smith, e a far proseguire la collaborazione con Jan Kaláb
orario: da mercoledì a sabato ore 15.30-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 novembre 2018. h 18.30
autori: Jan Kaláb, Satone, Stephen Smith
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“A Matter of Form”, una questione di forma, vuole ironicamente focalizzare fin da subito l’attenzione sulla diversità dei tre stili proposti, una visione ampia e concreta dell’astrattismo urbano. In tutte le opere esposte, realizzate appositamente per la mostra, le forme e le geometrie sono costruite e rielaborate secondo un processo di astrazione in grado di creare un dialogo tra i motivi geometrici e la superficie compositiva della tela stessa. Nelle opere dei tre artisti è presente un perfetto equilibrio tra compressione delle forme e minimalismo, capace di generare dei sorprendenti effetti di profondità e dinamismo.
Jan Kaláb (Praga, 1978) è uno dei più importanti autori dell’astrattismo geometrico e urbano internazionale. Nel 2018 l’Albin Polasek Museum & Sculpture Gardens in Florida gli dedica una retrospettiva dal titolo “Soul of Graffiti”, con un focus sulla scultura. Nel 2017 a Cracovia, Polonia, le sue opere sono esposte tramite il progetto pubblico Abstract Forum, insieme a quelle di altri grandi nomi come Nelio, Moneyless e Remi Rough tra gli altri, proponendo al pubblico uno sguardo ampio sull’evoluzione attuale dell’arte urbana astratta. Nello stesso anno Magma gallery presenta la sua prima personale in Italia, intitolata “Zooom”. Nel 2015 espone al MAXXI di Roma, Italia, partecipando alla collettiva “Et Cetera”, mostra dedicata all’arte cecoslovacca contemporanea post-regime comunista. Nel 2011, dopo aver preso parte alla prima “Biennal de Graffiti Fine Art” al MUBE Museum di San Paolo, Brasile, espone presso il museo MASP della stessa città.
SatOne (Rafael Gerlach - La Victoria, Venezuela, 1977) sin dall'inizio della sua carriera si fa notare per la qualità della sua ricerca, prendendo parte a mostre storiche dedicate all’arte urbana come “Urban Discipline” nel 2002 ad Amburgo, accanto a artisti come Os Gemeos, Daim, Banksy. Le sue opere fanno parte della prestigiosa collezione del Museo Urban Nation, inaugurato a Berlino nel 2017; nel 2016 ha partecipato al famoso festival Plastic Murs a Valencia. Nel 2014 ha preso parte all’importante ed esclusiva Biennale Artmossphere di Mosca. In Italia troviamo SatOne nelle prime mostre dedicate alla street art come “Urban Signs” a Palazzo Fogazzaro a Vicenza nel 2005 e al Museo Civico di Bassano del Grappa con la collettiva “INFART 3” nel 2008, mentre i suoi murales inconfondibili colorano muri di tutto il mondo, da New York a Parigi.
Stephen Smith (Regno Unito, 1976) ha esposto le sue opere presso importanti spazi istituzionali internazionali tra cui il MU ad Eindhoven, Olanda, al Baltic Centre for Contemporary Art in Inghilterra e presso il Nam June Paik Centre in Corea del Sud. È stato selezionato per importanti residenze artistiche presso il Plymouth Arts Centre, Regno Unito, nel 2016, al California Institute of the Arts nel 2014 e nel 2011 presso il Russian Space Centre per il progetto “Unknown Fields Division” incentrato su Chernobyl. Da ricordare i premi British Council Visual Arts Award nel 2008 e nel 2006 l’Arts Council of England Visual Arts Award.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram