Salvatore Zito - Pain had no Stick 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MEB ARTE STUDIO ​ Via San Giovanni 26 Borgomanero 28021

Borgomanero (NO) - dal 24 novembre 2018 al 12 gennaio 2019

Salvatore Zito - Pain had no Stick

Salvatore Zito - Pain had no Stick

 [Vedi la foto originale]
MEB ARTE STUDIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Giovanni 26 (28021)
+39 3428854339
mebartestudio@gmail.com
www.mebartestudio.it/
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La MEB Arte Studio dedica l'ultima mostra dell'anno all'artista torinese Salvatore Zito, con una personale nella quale sono raccolti gli ultimi lavori realizzati dall'artista tra il 2017 ed il 2018, e che affrontano la tematica degli Stick.
orario: sabato 10-12.30 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 novembre 2018. h 18
catalogo: in galleria. a cura di Marco Emilio Bertona, pp.52, MEB Arte Studio Edizioni
curatori: Marco Emilio Bertona
autori: Salvatore Zito
patrocini: Comune di Borgomanero - Ass. alla Cultura
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La MEB Arte Studio,dedica l'ultima mostra dell'anno all'artista torinese Salvatore Zito, con una personale nella quale sono raccolti gli ultimi lavori realizzati dall'artista tra il 2017 ed il 2018, e che affrontano la tematica degli Stick.

PAIN HAD NO STICK
Federica Maria Giallombardo

Scrive Keats nella sua Ode on Indolence: «Pain had no sting, and pleasure’s wreath no flower» («Non piccava il male, e la ghirlanda del piacere non aveva fiore»). È un pensiero, in profondità, portatore della passività del patire, idea fraintesa ma fondamentale alla creazione. L’indolenza per Keats consiste nell’approssimarsi all’estasi; nell’esporsi al di fuori dell’essere; nel passaggio da mondo esteriore – mondo del materiale, del visibile – a mondo interiore. Ma quest’ultimo passaggio, una volta compiuto, rende l’oggetto d’arte sortito in una realtà priva di uno spazio sensibile e concreto: le forme e le figure del mondo non esternano la realtà empirica e fisica, ma conservano – autentica spissitudo del mondo delle immagini – una «materialità immateriale». Su tale concezione letteraria si interroga Salvatore Zito (Crotone, 1960), che partendo dal concetto di indolenza del poeta inglese raggiunge un punto di sospensione tra l’esperienza e l’essenza; tra brillante ironia e ponderazione votiva; tra mimesi di ciò che l’oggetto è e di ciò che si ripete altrove.

L’apparizione del soggetto pittorico, nelle opere di Zito, è insieme grazia, ricompensa, gioco: un’elusione che cela disciplina – è sempre Keats che guida il tratto poetico del pittore, quando definisce i suoi versi «disciplina dell’Immaginazione» – e capacità naturali; una presenza che prima percepisce i potenziali evocati dei contesti più mondani e quotidiani e poi li rielabora in simboli, dettagli, ombre e colori. Poco importa se il soggetto, al primo sguardo, pare una mera serialità del significante: all’artista interessa la sublimazione; la fedeltà all’esperienza visionaria; la testimonianza di una conoscenza superiore, impossibile da assolvere senza una selezione – e sezione – del reale. Perciò le opere di Zito figurano nella ripetizione, ma comunicano nell’ordinata gerarchia di universi straordinari: la loro indolenza è, allora, un ordine simbolico su cui fare perno senza dovere di referenzialità. Non a caso la forma che domina le opere – il gelato “da passeggio”: oggetto semplice, dilettevole, replicabile nell’esperienza comune, dalla sagoma facilmente modellabile e dalla presenza apparentemente innocua – riconnette l’operatività percettiva pura a strategie psichiche di piacere e conoscenza. L’immagine è osservata, descritta e valutata all’interno di emblemi; il suo senso consiste nella modalità particolare di manifestazione di un oggetto replicabile, divisibile, ancorato alla concretezza. L’esperienza straordinaria comincia quando tale immagine tramuta in visioni ed eventi simbolici gli stati spirituali interiori: l’artista, come l’osservatore, viene per un attimo escluso dall’esperienza ordinaria, deponendo la sovranità dell’Io, lasciando fluire il soggetto all’infinito – rimane escluso cioè dal proprio compimento. Ecco perché il termine pain (“dolore”, “castigo”) prosegue all’unisono con il senso salvifico e rasserenante dell’arte: la fitta provocata dal tentativo di totalizzazione, di sintesi universale della forma, viene riversata in un unico punto, in un pensiero che teme di essere assoluto (su tela, su carta o scolpito) e che a volte lascia addirittura un’ombra dietro di sé (il doppio perturbante di cui Keats coglie l’egotismo) e si risana grazie all’umana accoglienza del contenuto che ancora non si conosce, sostenendo un incontro con l’Altro.

Il pensiero di Zito è la figura animata della critica alla totalità. È originale nella banalizzazione; crudele nella festosità. Non rinuncia a una nota di perplessità e minacciosità, come si nota dai soggetti contenuti nella sagoma del gelato che ne sfigurano l'ingenuità (spine di rose e di cactus, aculei, grattugie, dentini); ma riesce ogni volta, con sapiente tecnica e riflessione, a risolversi e a ingentilirsi. Per riassumere, è una rosa sotto teca che rivendica la sua agguerrita vanità – ovvero la vibrante tensione che solo la poesia può donare.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram