Katinka Bock / Giulia Cenci / Philipp Messner - Da lontano era un'isola 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
22/03/2019
André Aciman ha annunciato che presto uscirà il romanzo sequel di Call me by your name
22/03/2019
Storie meravigliose del riuso. Al Centro Pecci, il laboratorio per bambini di Alek O.
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KUNST MERAN/O ARTE ​ Via Portici 163 Merano 39012

Merano (BZ) - dal 15 marzo al 16 giugno 2019

Katinka Bock / Giulia Cenci / Philipp Messner - Da lontano era un'isola

Katinka Bock / Giulia Cenci / Philipp Messner - Da lontano era un'isola
Giulia Cenci, ground-ground, 2017, exhibition view, SpazioA, Pistoia
 [Vedi la foto originale]
KUNST MERAN/O ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Portici 163 (39012)
+ 39 0473212643 , +39 0473276147 (fax)
info@kunstmeranoarte.org
www.kunstmeranoarte.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La stagione espositiva di KUNST MERAN MERANO ARTE si apre ufficialmente con la mostra Da lontano era un’isola, che comprende tre presentazioni personali, una in ciascun piano della Kunsthaus.
orario: Martedì - Sabato: 10.00 - 18.00
Domenica e giorni festivi: 11.00 - 18.00
Lunedì chiuso.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 6,00; Ridotto (Over 65, guestcard..) € 5,00; Studenti fino a 26 anni € 2,00; Bambini fino a 14 anni: gratuito
vernissage: 15 marzo 2019. h 19.00
catalogo: in galleria. Brochure a cura di Chstistiane Rekade, € 4
curatori: Christiane Rekade
autori: Katinka Bock, Giulia Cenci, Philipp Messner
patrocini: Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Cassa di Risparmio di Bolzano, Provincia Autonoma di Bolzano, Comune di Merano, Regione Autonoma Trentino Alto Adige, Alperia, Forst, Azienda di Soggiorno di Merano, Niederstätter, Nals Margreid, g&d staschitz, Medus Arti Grafiche, Dr.Schär, Dalle Nogare
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La stagione espositiva di KUNST MERAN MERANO ARTE si apre con la mostra dal titolo Da lontano era un’isola, che comprende tre presentazioni personali, una in ciascun piano della Kunsthaus.

Nel 1938 l’artista e designer Bruno Munari (1907 – 1998, Milano) visitò il ceramista futurista Tullio Mazzotta a Albisola, in Liguria, dove questi si era ritirato per “stare in pace e lavorare alle ceramiche”. In questo periodo raccolse alcuni sassi sulla spiaggia e poi li portò a casa e li esaminò; queste osservazioni sono state poi pubblicata nel un libro del 1971 "Da lontano era un’isola" in cui, pagina dopo pagina, Munari ha rivelato i mondi nascosti dietro a questi sassi: c’è ad esempio "Il sasso che sembra un’isola, senza le nuvole e il mare"; oppure il sasso che "può sembrare il fianco di una montagna (…) e in uno dei sentieri che portano alla vetta si vede (se uno vuole) una comitiva di turisti svizzeri uno dei quali è a piedi nudi (incredibile!)". Si tratta di mondi racchiusi nella struttura stessa dei sassi e che possono essere scoperti solo osservandoli da vicino (e con la dovuta fantasia).

L’osservazione verso i propri materiali di lavoro e il loro utilizzo sperimentale, il coinvolgimento del pubblico e un’indagine sulle modalità di percezione sono aspetti che accomunano anche i tre artisti invitati. Le opere che presentano si pongono in dialogo con lo spazio espositivo, adattandosi o opponendosi ad esso; oggetti e installazioni preesistenti sono riformulati e ricombinati in relazione al luogo.

In particolare, alla base del lavoro di Katinka Bock (1976 Francoforte, vive a Parigi) troviamo un’indagine sulle modalità di visualizzazione dei processi e delle sequenze temporali e di percezione degli spazi espositivi e una riflessione sulle forze esistenti i natura. Nei suoi oggetti in ceramica e in bronzo spesso adotta delle forme caratteristiche dei luoghi circostanti alla sede espositiva: ad esempio include nel processo di fusione delle parti di piante, assumendo la natura come parte integrante delle proprie sculture. Anche nelle sue installazioni lavora spesso con materiali precari come l’argilla cruda, la sabbia o il legno, portando – anche in questo caso – il mondo esterno all’interno dello spazio espositivo.

Anche le sculture di Giulia Cenci (1988 Cortona, vive in Amsterdam) creano un rapporto con il luogo che ospita la mostra, sviluppandosi al suo interno e creando una sorta di paesaggio dimenticato. Forme e strutture di derivazione sia organica sia industriale – come ad esempio cavi, pezzi di plastica e metallo o legno– sono raggruppati e dispersi nello spazio, innescando innumerevoli possibili associazioni ma senza mai lasciarsi intrappolare in una singola definizione. Questi lavori danno l’impressione di una disposizione provvisoria, mutevole, in costante mutamento, in cui il visitatore si muove adattando e cambiando costantemente a sua volta il proprio approccio. Giulia Cenci sviluppa infatti i suoi lavori adattandoli sempre allo spazio in cui si collocano, creando in ogni occasione espositiva nuove sequenze e nuove narrazioni.

Philipp Messner (1975 Bolzano, vive a Monaco) indaga attraverso i suoi lavori la nostra percezione e i rapporti tra oggetto e osservatore. Nella sua installazione Clouds del 2016 ha fatto sparare neve artificiale colorata nel prato a sud dell’Alte Pinakothek di Monaco, affrontando così con un’operazione di forte impatto la nostra idea di naturale e artificiale e creando un “campo pittorico calpestabile”.
Analogamente, nei suoi lavori più recenti, Messner sfida le nostre abitudini visive, lavorando frammenti di marmo con pigmenti colorati e creando così delle composizioni che disturbano e affascinano al contempo e che si pongono al di là delle tradizionali distinzioni tra pittura e scultura.

Munari descrive così i suoi sassi: "Da lontano era un’isola, con le sue costruzioni, le terrazze, i vari piani inclinati. Non si vedono persone o animali, anche i gabbiani stanno lontani. Girando dietro l’isola si vede la parte più selvaggia, inabitabile anche perché quest’isola è una pietra grande sei per quattordici centimetri, più piccola di un gabbiano junior."

Attraverso le modalità differenti con cui si confrontano con i materiali e lo spazio espositivo, Katinka Bock, Giulia Cenci und Philipp Messner permetteranno di scoprire una nuova isola in ciascun piano del museo.




Tutte le citazioni di Bruno Munari sono riprese da: Da lontano era un’isola, Emme edizioni 1971 (rist. Corraini 2006)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram