Liu Bingchen - Labirinto 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/04/2019
Gli studenti RUFA supporteranno l'organizzazione del concerto del Primo Maggio, a Roma
25/04/2019
In Egitto è stata scoperta una necropoli con 35 mummie
23/04/2019
121 disegni di Andy Warhol saranno esposti per la prima volta a New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LABA - LIBERA ACCADEMIA DI BELLE ARTI ​ Piazza Di Badia A Ripoli 1A Firenze 50126

Firenze - dal 28 marzo al 16 aprile 2019

Liu Bingchen - Labirinto

Liu Bingchen - Labirinto

 [Vedi la foto originale]
LABA - LIBERA ACCADEMIA DI BELLE ARTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di Badia A Ripoli 1a (50126)
+39 0556530786 , +39 0556530787 (fax), +39 3384287192
info@laba.biz
www.laba.biz
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Posted Project, la vetrina-museo del dipartimento di Pittura della Laba di Firenze, via Finlandia 10, ospita il progetto firmato dall’allievo cinese 23enne Liu Bingchen
orario: visibile h24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 marzo 2019. Ore 15
autori: Liu Bingchen
genere: arte contemporanea, giovane arte, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Posted Project”, la vetrina-museo del dipartimento di Pittura della Laba di Firenze, torna con un nuovo percorso espositivo. Domani, giovedì 28 marzo alle 15, sarà inaugurato “Labirinto”, progetto firmato dall’allievo cinese 23enne Liu Bingchen: una installazione con performance, che vede l’impiego di plexiglass, metallo, spugna, china, carta cinese e carta da acquerello. La mostra resterà visibile, 24 ore su 24, fino al 16 aprile prossimo, negli spazi di via Finlandia 10.



L’opera contiene un dispositivo composto da plexiglass, metallo e spugna: una ruota con all’interno un labirinto, che racchiude a sua volta una perlina in metallo. L’installazione è concepita in modo che l’autore possa interagire con l’intero meccanismo, azionando la ruota e tracciando scie di inchiostro sulla carta, in una sorta di automatismo che diviene metafora per i concetti della filosofia orientale dello Yin e dello Yang. Anche le altre parti dell’installazione “interagiscono” con la ruota, dando vita ad una “danza” ipnotica e simbolica.



Si tratta di una installazione complessa, che indaga il concetto di labirinto mentale e materiale, la ricerca di una via d’uscita e di nuovi inizi. La mostra si compone di tre diverse sezioni: una riservata alla fotografia del processo della performance e le altre due dedicate, rispettivamente, al disegno su carta cinese e su carta da acquerello.



CHE COSA E’ “POSTED PROJECT”? - E’ uno spazio espositivo che assomiglia ad una vetrina. Sorge accanto all’aula di Arti Visive della Libera Accademia di Belle Arti di Firenze, su una sottile linea di confine, tra i laboratori e il marciapiede esterno.



Un museo “trasparente”, che accoglie un solo progetto alla volta, selezionato dai docenti di riferimento Fabio Cresci ed Eugenia Vanni. I professori scelgono alcune opere inedite, realizzate dagli studenti nei laboratori di pittura. I lavori vengono poi presentati al pubblico in forma di piccole mostre personali, rendendo visibile il percorso di formazione accademica dei ragazzi.



“Posted Project simboleggia il passaggio tra la vita in Accademia e un primo approccio con il pubblico - spiegano i docenti Cresci e Vanni -. La sua compenetrazione con l’aula, a livello strutturale, rende questo spazio unico nel suo genere: è un luogo sospeso tra una dimensione educativa e protetta e una seconda dimensione, professionale e affacciata sul mondo”.



Il nome stesso - “Posted” - richiama alla mente il termine “postare”, tipico del mondo del web, proprio a indicare un pensiero immediato, quasi istintivo ma anche profondo e sensibile: l’idea stessa dell’opera appena nata, uscita dal laboratorio e dalla mente del giovane artista.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram