Giulia Fumagalli - Chissà come si sente la luna 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MEGAZZINO ​ via per Cesate 64 Garbagnate Milanese 20024

Garbagnate Milanese (MI) - dal 17 maggio al 12 giugno 2019

Giulia Fumagalli - Chissà come si sente la luna

Giulia Fumagalli - Chissà come si sente la luna
MEGAZZINO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Per Cesate 64 (20024)
info@spazienne.it
www.spazienne.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una narrazione visiva che oscilla tra satelliti naturali e sentimenti. Un luogo in cui forme minime si alternano ricercando un’armonia di pieni e vuoti, che accolgono una visione interiore sospesa. Un cammino introspettivo che incontra nelle sfaccettature della Luna la sua forma di perfezione.
orario: ogni mercoledì dalle 11.00 alle 20.00 gli altri giorni visitabile su appuntamento scrivendo a info@spazienne.it
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 maggio 2019. ore 19:00
curatori: Spazienne
autori: Giulia Fumagalli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Ogni giorno, poco prima di andare in scena, io ti osservo e ti trovo sempre lì, con lo sguardo impaziente che si muove rapido alla ricerca di me. Mi piace quel momento sospeso in cui vedo te, che cerchi me e mi fai sentire speciale. Con un’ultima giravolta finalmente mi scorgi e la luce di cui si riempie il tuo sguardo mi fa sentire profonda, immensa.
Pochi mi guardano come mi guardi tu.
Ci sono giorni in cui mi sento spenta e, in quei momenti, mi basta sentire il modo in cui mi parli, il modo in cui parli di me. Io ti sento, ti sento continuamente, mentre mi ammiri e rimiri: vorrei sparire, vorrei esplodere.
Vorrei non essere così tanta e vorrei solo essere abbastanza.
Perchè ogni incontro fa scendere su di noi un manto calmo, le membra si distendono e la tua mente trova nuovo equilibrio, e il tuo cuore diventa così leggero che mi sembra di poterlo veder volare fino a qui.
La nostra attrazione è fatta di attenzioni, parole, piccoli sussurri e un oceano di carezze mancate: io sono la tua perfezione, la tua ossessione verso l’alto.
Ti guardo e nei tuoi occhi rifletto la mia luce.

In me rivedi un po’ di te, ma parlo di amore, non di [luna].

testo di Giulia Fumagalli e Annika Pettini


chissà come si sente la luna è una narrazione visiva che oscilla tra satelliti naturali e sentimenti.
Un luogo in cui forme minime si alternano ricercando un’armonia di pieni e vuoti, che accolgono una visione interiore sospesa.
Cerchi e quadrati, colori e trasparenze, si connetto in modo sempre differente, creando microcosmi nei quali perdersi o ritrovarsi.
Un cammino introspettivo che incontra nelle sfaccettature della Luna la sua forma di equilibrio e perfezione.

SPAZIENNE presenta il terzo appuntamento di +N9 una mostra declinata in tre momenti in successione.
Dialogo sullo spazio, nello stesso spazio, in tempi diversi.

In occasione della mostra +N9 inaugura megazzino luogo di ricerca e sperimentazione allargata e condivisa.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram