Dialoghi: Bruno Muzzolini / Matteo Cremonesi 3148 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OFFICE PROJECT ROOM ​ Via Altaguardia 11 Milano 20135

Milano - dal 15 maggio al 10 settembre 2019

Dialoghi: Bruno Muzzolini / Matteo Cremonesi

Dialoghi: Bruno Muzzolini / Matteo Cremonesi

 [Vedi la foto originale]
OFFICE PROJECT ROOM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Altaguardia 11 (20135)
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra continua il ciclo espositivo Dialoghi, un progetto che si propone di mettere in relazione le pratiche di due autori cercando per questi un dialogo tra metodologie di lavoro, rimandi, influenze e similitudini.
orario: da Mercoledì a Venerdì dalle 14.00 alle 19.00
Lunedì, Martedì e Sabato su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 maggio 2019. ore 18.30
curatori: phroom
autori: Matteo Cremonesi, Bruno Muzzolini
genere: fotografia, arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra continua il ciclo espositivo Dialoghi, un progetto che si propone di mettere in relazione le pratiche di due autori cercando per questi un dialogo tra metodologie di lavoro, rimandi, influenze e similitudini.
Le opere presentate da Bruno Muzzolini e Matteo Cremonesi si caratterizzano per una pratica fortemente autoriale che vede gli artisti impegnati in una riflessione linguistica che trova a partire dall'interrogazione stessa del linguaggio e della sua disposizione i segni necessari a tratteggiare un
territorio di dialogo.
Affidando alle opere la possibilità di riferire ogni argomentazione i due autori si confrontano sul complesso rapporto che interessa i limiti posturali del linguaggio - dispositivo linguistico, trovando per questi una forma d'agire in cui malgrado le differenze formali proposte dalle due ricerche è possibile intercettare per entrambe i termini di un interrogazione che trova nella ricerca di un'ascolto
dello sguardo e del suo modus operandi il proprio focus.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram