Fino al 22.VI.2002 - Versus - Andrea Contin - Verona, Artericambi 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/02/2019
Addio a Bruno Ganz, angelo tormentato e Hitler magistrale
16/02/2019
Puoi prenotare la tua copia del Libro Imbullonato di Depero su Kickstarter
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 22.VI.2002
Versus - Andrea Contin
Verona, Artericambi

   
 Arte e sport sono parole che spesso si trovano a convivere: l'arte si è ispirata al mondo dello sport (si pensi a Basquiat, a Gurskij, o alle giovani italiane Benassi e Toderi) e molti sportivi sono stati, o sono, considerati alla stregua di artisti... Alfredo Sigolo 
 
pubblicato
Nello spazio della galleria veronese è stato allestito un vero e proprio ring pugilistico per dar vita all'evento performativo progettato da Andrea Contin (n. 1971) giovane artista padovano irriverente, autore di oggetti, installazioni e performance la cui intenzione concettuale viene espressa all'insegna della sintesi rigorosa e dell'ironia, secondo meccanismi comunicativi moderni e massmediatici, che uniscono ai codici verbali quelli estetici e visivi.
E proprio all'artista, con tanto di frack e scarpe da tennis, è toccato di presentare il match della serata, invitato particolare un folto pubblico giovane e non proprio avvezzo a questo tipo di eventi sportivi.
Entrano i contendenti, e lì cominciano a non tornare i conti: già, perché appare evidente che gli atleti sono di categorie diverse ma, soprattutto, sono in 3 (!). L'esperimento di Contin prende forma: cosa accade quando in uno sport epico e di grande tradizione storica, fatto di sacrifici e pochi soldi, in cui la lealtà è la regola fondamentale, si inserisce un elemento destabilizzante? Cosa accade quando il duello a 2 viene messo in scacco?
Il match si è svolto sulla distanza anomala delle 5 riprese, di fronte professionisti tra cui un campione europeo dei pesi massimi; all'iniziale titubanza ed incertezza (il rispetto per l'avversario è duro da accantonare), incitati dal pubblico divertito, i pugili hanno fatto seguire un incontro quasi reale, in cui la Andrea Contin - Versusboxe ne è uscita brutalizzata e trasfigurata assumendo un valore del tutto metaforico; lentamente si definivano nuove strategie, come la finta sul primo atleta per colpire il secondo, lo sfruttamento dell'opportunità di attaccare alle spalle l'avversario ingaggiato dal terzo contendente, fino alla tacita alleanza per contrastare la prestanza e la potenza dell'avversario più fisicamente dotato. Povera boxe, ridotta e svilita nella forma di una rissa! Il pubblico osservava divertito il sacrilegio compiuto ai danni dell'antica pratica sportiva che incarna la lotta per la sopravvivenza, in verità un paradosso nel quale lo sport, quello vero, trova il suo riscatto, perfino sulla vita stessa, in cui lealtà e regola sono sistematicamente trasgrediti per gli interessi dell'uno e dell'altro dei molti contendenti.
Dalla performance sono stati tratti un video ed una documentazione fotografica che vengono proposti in galleria nel contesto dell'allestimento che vede anche l'esposizione di opere grafiche ed oggettuali connesse al tema. Nello spazio è allestito anche un marchindising con t-shirt e manifesti che commemorano l'evento, curato da Michele Robecchi, appassionato di boxe, ed organizzato con la collaborazione dell'Accademia Pugilistica Bovo di Pescantina (Vr).

articoli correlati
Andrea Contin in colletiva a Brescia
D.J. Lamù ad Artericambi
forum correlati
Il forum sulla giovane arte

Alfredo Sigolo


“Versus: Andrea Contin”
Dall'1.VI.2002 al 22.VI.2002
Verona, Artericambi, via A. Cesari 10.
Ingresso: libero.
Orari: dalle 17.30 alle 20.00. Lunedì e festivi su appuntamento.
Tel: 0458403684 E–mail: artericambi@yahoo.it; web: www.artericambi.org


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Sigolo
vedi calendario delle mostre nella provincia Verona
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: alfredo sigolo, Andrea Contin, Basquiat, Dem, Michele Robecchi, Toderi
 

2 commenti trovati  

15/08/2002
Alf
Ma di chi parli? Dei pugili, dell'artista, del gallerista. Insomma, l'operazione concettuale mi sembra abbia funzionato, poi ognuno ha le sue forme d'arte preferite. Intorno ai valori dell'arte io sono sempre stato alieno all'idea di accettare il famoso motto "i gusti sono gusti". A mio parere alcuni parametri possono servire per stabilire certe qualità, non ultimo quello del gradimento del pubblico, che in questo caso è stato soddisfacente. Ci sono poi le premesse concettuali, che mi sembravano buone, come ho scritto, l'impianto dello show nel caso presente, e via dicendo. Questo mi ha portato a giudicare con favore l'intervento di Contin. Poi ci sta tutta che vi siano persone, come me e non lo nego, che preferiscono altre forme d'espressione artistica e però bisogna esser anche un po' critici e obiettivi. Io son qua anche per cambiare idea, l'ho fatto spesso in passato, però mi servono delle ragioni valide, qualcosa in più di una supposta volontà di fama ad ogni costo.

14/08/2002
Alberto, Verona
Non ho parole che schifezza pazzesca!!...
Non sanno più cosa inventare per rendersi "famosi"...
Provo solo pietà per loro...


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram