L’appartamento di Andy Warhol 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/10/2018
Fabrizio Cotognini è il vincitore del Premio Cairo 2018
15/10/2018
Aperte le selezioni per nctm e l’arte: Artists-in-residence, XII edizione
15/10/2018
Ecco il nuovo Consiglio Direttivo di AMACI, l’associazione dei Musei d’Arte Contemporanea
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’appartamento di Andy Warhol

   
   
 
L’appartamento di Andy Warhol
pubblicato

Nel 1960 Andy Warhol si trasferì da Lexington Avenue, dove viveva con la madre, in un enorme appartamento, sempre a New York ovviamente, sulla East 66th Street, nell’Upper East Side, dove rimase per 14 anni, fino al 1987. Dopo la prematura scomparsa, il suo manager, Fred Huges, ingaggiò David Gamble per immortalare tutto ciò che si trovava in quei 700 metri quadri. Fu così che Gamble passò dieci giorni nella casa di Andy Warhol, "dove scoprì molto riguardo all’uomo, piuttosto che al mito”. Il fotografo britannico racconta che una delle cose che lo affascinò di più fu il mobiletto del bagno di Warhol, pieno zeppo di prodotti come lo Shelly Marks Potpourri, Xerac BP / 10 per il trattamento dell'acne, Exsel Solfuro per il cuoio capelluto, uno scrub a base di erbe, detergente per la pelle, e tantissimi altri prodotti per l’igiene personale. Il suo amico ed ex-collega di Interview Bob Colacello li definì "solo l’inizio di quello che Andy Warhol pensava di aver bisogno per affrontare il mondo". La fotografia del mobiletto in questione fu comprata all’asta per 25.000mila dollari, e oggi si trova all’Andy Warhol Museum, in Pennsylvania. Nella casa furono trovate anche le 610 capsule del tempo, le celebri scatole di cartone aperte per la prima volta nel 2014, in cui l’artista ha conservato e archiviato più di 300.000 oggetti comuni. Nel 2000 l’appartamento, oggi stimato per un valore di 20 miliardi di dollari, è stato comprato da Tom Freston, presidente di MTV. Quindi, per sapere com’era davvero quando apparteneva a Warhol, non ci resta che guardare le foto di Gamble.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

1 commento trovato 

24/07/2018
doattime, cuneo
http://doattime.blogspot.it/
Mi ha sempre colpito molto che Andy Warhol collezionasse ogni cosa, per archiviarla in queste famose "capsule del tempo" dove alla fine c'era tutto senza nessuna "logica" ma con quel bisogno molto semplice ed umano di contenere il proprio vissuto

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram