Fino al 19.I.2019 - Ibrahim Ahmed, Burn What Needs To Be Burned - Sara Zanin Gallery, Roma 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 19.I.2019
Ibrahim Ahmed, Burn What Needs To Be Burned
Sara Zanin Gallery, Roma

   
  marina dacci 
 
Fino al 19.I.2019 - Ibrahim Ahmed, Burn What Needs To Be Burned - Sara Zanin Gallery, Roma
pubblicato

La mostra "Burn What Needs To Be Burned" di Ibrahim Ahmed, artista trentaquattrenne egiziano, è convincente perché sincera.
Racconta di un artista che ha vissuto un vero "crossing cultures” perché ha trascorso l’infanzia tra il Bahrein e l’Egitto e da adolescente si è trasferito negli Stati Uniti dove ha speso molti anni.
Questa contaminazione è stata assorbita nel profondo, gli ha permesso di realizzare non solo un amalgama formale perfettamente riuscito nelle sue opere, ma ha facilitato un percorso di analisi sulla propria identità maschile. 
La mostra si snoda con fluidità nelle tre sale della galleria con un’organizzazione "a capitoli”: la rappresentazione dello status quo, l’interrogazione identitaria e la rigenerazione personale e sociale. 
Nei collage di fattura povera della prima stanza, realizzati su cartoncini e appesi precariamente al muro, compare un ritratto quasi meccanico del busto maschile presentato come una retorica e rigida maschera.
Le fotografie delle altre due sale raccontano opacità e trasparenze sul proprio vissuto, evocano chiaramente il tentativo di uscire da stereotipi ereditati sull’identità maschile, assorbendo, anche formalmente, tutta la fragilità e l’incertezza di questo percorso.

null
Ibrahim Ahmed Burn What Needs To Be Burned, 2018 Installation view, room 2 z2o Sara Zanin Gallery, Roma Courtesy z2o Sara Zanin Gallery, Roma Ph Giorgio Benni

Le immagini fotografiche della sala principale in particolare s’inscrivono in architetture suprematiste, a ricordarci architetture di potere in cui, in una sequenza di frame fotografici, si snodano figure dense di tensione, affiancate, mescolate, sovrapposte, in una danza/lotta che sembra, a prima vista, rispondere alle aspettative sociali di virilità, ma in realtà suggerisce una via di fuga da giochi di ruolo, retaggio della sua cultura d’ origine e non solo. 
Una serie di fotografie è una vera e propria narrazione di una performance che l’artista ha eseguito in studio e in cui è palpabile un "corpo a corpo” con sé stesso. Ciò che viene evocata è una muscolarità che diventa interrogazione tout court. 
Un bel messaggio dove, intelligentemente, non ci sono risposte, ma il tentativo di decostruire per rimettersi al mondo, prima di tutto come persona, al di là del genere.  

Marina Dacci 
mostra visitata il 5 dicembre

Dal 1 dicembre 2018 al 19 gennaio 2019
Ibrahim Ahmed, Burn What Needs To Be Burned
Sara Zanin Gallery 
Via della Vetrina 21, Roma
Info: www.z2ogalleria.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marina dacci
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram