Un giro a Mestre per vedere l'Italia 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Un giro a Mestre per vedere l'Italia

   
   
 
Un giro a Mestre per vedere l'Italia
pubblicato

58. M9
Via Giovanni Pascoli, 11
Mestre (out of map)
T. +39 041 2387 230
m9digital.it

The Italy of Photographers.
24 Artists’ Tales
Group show
> 16.06.2019

L’edizione NUMERO 0 di Venezia Art to Date curata da Untitled Association e realizzata in esclusiva per il numero di Maggio di Exibart è una mappa alle mostre d’arte contemporanea più interessanti che il territorio offre nel periodo dell’apertura della Biennale.
La proposta per la giornata di oggi ha sede fuori città e, in particolare, al terzo piano del Museo M9 di via Pascoli 11, a Venezia Mestre. Qui troviamo la mostra L’Italia dei fotografi. 24 storie d’autore, curata da Denis Curti e prodotta dalla Casa dei Tre Oci – Civita Tre Venezie. L’esposizione propone un percorso attraverso il lavoro di ventiquattro grandi fotografi italiani che, con oltre 230 immagini di formati diversi, accompagnano lo spettatore all’interno di un racconto antologico che rivela la molteplicità dei volti che il nostro paese ha assunto durante il secolo scorso.
In mostra le foto di Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin e ancora Carla Cerati, Luca Campigotto e Lisetta Carmi, solo per citarne alcuni. 
Tutti i lavori esposti sono il frutto di uno specifico progetto che ogni fotografo ha portato avanti in maniera del tutto individuale: dalla mafia palermitana di Battaglia, alle fabbriche milanesi di Basilico, dalla Tricarico sessantottina di Cresci, alla Napoli di Jodice e ai travestiti di Carmi, fino ai divi fotografati da Ghergo e a Fellini di Secchiaroli. Ognuna delle letture visive che lo spettatore si ritrova ad osservare rappresenta così una delle mille sfumature del Novecento italiano, un secolo costellato da divari e tenere contraddizioni, ma caratterizzato da un viscerale attaccamento alla vita e di un’autenticità e una meraviglia che acquistano oggi un sentore di nostalgia.


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram