Ora puoi ascoltare la voce di Frida Kahlo. Trovata la prima registrazione audio 3033 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ora puoi ascoltare la voce di Frida Kahlo. Trovata la prima registrazione audio

   
   
 
Ora puoi ascoltare la voce di Frida Kahlo. Trovata la prima registrazione audio
pubblicato

Frida Kahlo non smette di far parlare di sé ma, dopo la visitatissima mostra al Victoria & Albert di Londra dedicata ai suoi abiti e ai suoi accessori e la più grande retrospettiva mai organizzata negli Stati Uniti, sarà lei stessa a proferire parola. No, non si tratta di un avanzatissimo software per ricostruire la voce di una persona a partire dai suoi ritratti ma di una registrazione originale, almeno secondo la National Sound Library del Messico.
«La voce di Frida è sempre stata un grande enigma, una ricerca senza fine. Fino a ora non avevamo mai trovato una registrazione», ha dichiarato in una conferenza stampa il direttore degli archivi audio nazionali, Pavel Granados. Gli esperti stanno ancora analizzando il file per confermare se sia effettivamente la voce di Kahlo. Nel caso, sarebbe una scoperta importantissima, che renderebbe ancora più iconica la sua figura, precedentemente conosciuta attraverso fotografie, pellicole mute e, ovviamente, autoritratti.
E quindi, cosa dice Frida? Fortuna vuole che non si tratti di una asettica lista della spesa ma di una appassionata descrizione del marito, l’artista Diego Rivera, affettuosamente chiamato El panzón. «È un bambino gigantesco, immenso, con una faccia amica e uno sguardo triste. I suoi occhi grandi, scuri, estremamente intelligenti raramente rimangono fermi. Quasi escono dalle loro orbite a causa delle loro palpebre gonfie e sporgenti, come quelle di un rospo. Permettono al suo sguardo di entrare in un campo visivo molto più ampio, come se fossero stati costruiti appositamente per un pittore di grandi spazi e folle», sono le parole pronunciate da Frida, basate su un testo scritto da lei stessa nel 1949, intitolato Ritratto di Diego.
Il nastro è stato trovato negli archivi dello sceneggiatore messicano Álvaro Gálvez y Fuentes e fu registrato per uno show radiofonico che incentrato sulla vita della famosissima coppia di artisti.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram